BAMMENELLA


musicatestoRaffaele Viviani data1912


 
So' "Bammenella" 'e copp' 'e Quartiere,
pe' tutta Napule faccio parlá,
quanno, annascuso, p' 'e vicule, 'a sera,
'ncopp' 'o pianino mme metto a ballá.
 
Sono "Bambinella" dei Quartieri Spagnoli,
per tutta Napoli faccio parlare,
quando, di nascosto, per i vicoli, di sera,
sulla musica di un pianino mi metto a ballare.
 
Vene 'ambulanza?
'Int'a niente mm' 'a squaglio.
E, si mm'afferra, mme torna a lassá.
'Ncopp' 'a quistura, si ê vvote ce saglio,
è pe' furmalitá.
 
Arriva la polizia?
In poco tempo me la squaglio.
E se mi acchiappa, mi rilascia.
In questura, se a volte ci vado,
è per formalità.
 
Cu 'a bona maniera,
faccio cadé 'o brigatiere,
piglio e lle véngo 'o mestiere,
dico ca 'o tengo cca.
 
Con le buone maniere,
faccio cadere il brigadiere,
prendo e gli vendo il mestiere,
dico che ce l'ho qua.
 
'O zallo s' 'o 'mmocca,
ll'avota 'a capa e s'abbocca,
ma, nun appena mme tocca,
mme n'ha dda manná.
 
L'allocco ci abbocca,
gli gira la testa e cade,
ma, non appena mi tocca,
mi deve mandar via.
 
Mme fanno ridere cierti pperzone
quanno mme diceno: "Penza pe' te".
Io faccio 'ammore cu 'o capo guaglione
e spènno 'e llire p' 'o fá cumparé.
 
Mi fanno ridere certe persone
quando mi dicono: "Pensa per te".
Io faccio l'amore con il capo
e spendo i soldi per farlo ben figurare.
 
Sto' sotto ô dèbbeto, chisto è 'o destino,
ma c'è chi pava pirciò lassa fá.
Tengo 'nu bellu guaglione vicino
ca mme fa rispettà.
 
Sono in debito, questo è il destino,
ma c'è chi paga e perciò lascia fare.
Ho un bel ragazzo vicino
che mi fa rispettare.
 
Chi sta 'int' 'o peccato,
ha dda tené 'o 'nnammurato,
ch'appena doppo assucciato,
s'ha dda sapé appiccecá.
 
Chi è nel peccato,
deve avere un fidanzato
che appena dopo aver fatto l'amore,
deve saper litigare.
 
E tutt' 'e sserate,
chillo mm'accide 'e mazzate.
Mme vo' 'nu bene sfrenato,
ma nun 'o ddá a paré.
 
E tutte le sere,
quello mi picchia.
Mi vuole un bene sfrenato,
ma non lo dà a vedere.
 
Mo so' tre mise ca 'o tengo malato.
Sacc'io che spènno pe' farlo saná.
Però, 'o duttore, cu me s'è allummato,
pe' senza niente mm' 'o faccio curá.
 
Ora sono tre mesi che è malato.
So io quanto spendo per farlo curare.
Però, il dottore, di me si è innamorato,
in cambio di niente me lo faccio curare.
 
E tene pure 'o mandato 'e cattura;
priesto, 'ambulanza s' 'o vène a pigliá.
Io ll'aggio ditto: "Sta' senza paura,
pe' te, ce stóngo io cca".
 
E ha pure il mandato di cattura;
presto, la polizia se lo viene a prendere.
Io gli ho detto: "Non aver paura,
per te, ci sono io qua".
 
Cu 'a bona maniera,
faccio cadé 'o brigatiere,
mentre io lle vengo 'o mestiere,
isso have 'o canzo 'e scappá.
 
Con le buone maniere,
faccio cadere il brigadiere,
mentre gli vendo il mestiere,
lui ha il tempo di scappare.
 
Pe' me, 'o 'ssenziale,
è quanno mme vasa carnale.
Mme fa scurdá tutt' 'o mmale
ca mme facette fá.
Per me, l'essenziale
è quando mi dà un bacio carnale.
Mi fa dimenticare tutto il male
che mi ha fatto fare.

Per la creazione della musica, l’autore prese sunto dalla canzone “La Valse Brune”, brano popolare francese già rielaborato da George Krier nel 1909. Con questo brano, Raffaele Viviani descrive uno spaccato della vita difficile dei quartieri più popolari, raccontato attraverso le vicissitudini di “Bammenella”, una prostitua che descrive in un modo ancora molto (troppo) attuale le violenze a cui è sottoposta dall’uomo che dovrebbe amarla e che lei crede di amare. La canzone è uno dei brani che vanno a comporre la commedia “Toledo di Notte”, portata in scena per la prima volta nel 1918. Luisella Viviani fu la prima interprete di Bammenella, al Teatro Umberto di Napoli. Successivamente altri artisti si sono cimentati in questo capolavoro, tra cui Angela Luce, Marina Pagano, Lina Sastri, Ornella Vanoni, Peppe Barra e Massimo Ranieri.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia