CONNOLA SENZA MAMMA


(Esposito, Ciaravolo – 1930 ca)


 
Comm' 'e vapure scostano,
lassanno 'sta banchina,
turmiente e pene portano
luntano 'a Margellina'.
Nterr'â banchina chiagnono
'e mmamme'e ll'emigrante,
pe' chesto, 'nterr'a 'America,
só' triste tutte quante.
 
Appena le navi partono,
lasciando questa banchina,
tormenti e pene portano
lontano da Mergellina.
Sulla banchina piangono
le mamme degli emigranti,
per questo, in America,
sono tristi tutti.
 
Meglio nu juorno ccá, Napulitano,
ca tutt' 'a vita princepe luntano.
ll'America ch' 'e cchiamma,
luntana sta,
cònnola senza mamma,
ca nun po' dà
felicità.
 
Meglio un giorno qui, Napoletano,
che tutta la vita principe lontano.
L'America che li chiama,
lontano sta,
Culla senza mamma,
che non può dare
felicità.
 
Stanno luntane e sònnano,
sempe sti cante e suone.
Ma qua' brillante trovano
cchiù belle d' 'e ccanzone?
Tutto nun dà ll'America,
forte suspira 'o core
'e chi, pensanno â Patria,
luntano se ne more.
 
Stanno lontano e sognano,
sempre questi canti e suoni.
Ma quali brillanti trovano
più belli delle canzoni?
L'America non dà tutto,
forte sospira il cuore
di chi, pensando alla Patria,
muore lontano.
 
Meglio nu juorno ccá, Napulitano,
ca tutt' 'a vita princepe luntano.
Si è Napule ch' 'e cchiamma
p' 'e ffá saná.
Cònnola senza mamma,
falle turná,
falle turná.
 
Meglio un giorno qui, Napoletano,
che tutta la vita principe lontano.
Se è Napoli che li chiama
per farli guarire.
Culla senza mamma,
falli tornare,
falli tornare.
 
Si è Napule ch' 'e cchiamma
p' 'e ffá saná.
Cònnola senza mamma,
falle turná,
falle turná.
Se è Napoli che li chiama
per farli guarire.
Culla senza mamma,
falli tornare,
falli tornare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia