FRESCA SPOSA


(Fiore, Ciaravolo – 1937)


 
Dint'a 'sta casarella a Margellina,
ce só' trasuta appena mmaretata.
Mme sceta nu pianino ogne matina,
mm'addorme na chitarra 'int' 'a nuttata.
E ninno mio, ch'è 'o primmo cantatore,
vò' sentere 'e ccanzone pure 'a me.
 
Dentro questa casetta a Mergellina,
ci sono entrata appena sposata.
Mi sveglia un piano ogni mattina,
mi addormenta una chitarra nella nottata.
E il mio bimbo, che è il primo cantante,
vuole sentire le canzoni anche da me.
 
'E vvote, 'a dint' 'o suonno,
mme sceta e aggi' 'a cantá,
si no stu chiappo 'e 'mpiso
nun mme fa arrepusá.
E che duette, oje má', che paraviso,
fernimmo ogne canzone cu nu vaso.
 
A volte, nel sonno,
mi sveglia e devo cantare,
altrimenti questo disgraziato
non mi fa riposare.
E che duetto, mamma, che paradiso
finiamo ogni canzone con un bacio.
 
Nun só' tre mise ca nce só' trasuta
dint'a 'sta casa fresca fravecata.
E giá, che saccio. O 'a vesta s'è astrignuta,
oppure chesta vita s'è allargata.
Stu 'mpiso 'e ninno mio, matina e sera,
che sta facenno p'essere papá.
 
Non sono tre mesi che ci sono entrata
in questa casa appena costruita.
E già, che so. O il vestito si è ristretto,
oppure questa vita s'è allargata.
Questo bimbo mio, mattina e sera,
che sta facendo per essere papà.
 
'E vvote, 'a dint' 'o suonno,
mme sceta e aggi' 'a cantá,
si no stu chiappo 'e 'mpiso
nun mme fa arrepusá.
E che canzone, oje má', che paraviso.
Mme sento 'e saglí 'ncielo cu nu vaso.
 
A volte, nel sonno,
mi sveglia e devo cantare,
altrimenti questo disgraziato
non mi fa riposare.
E che duetto, mamma, che paradiso,
mi sento salire in cielo con un bacio.
 
Io tengo giá 'o canisto appriparato
cu 'e ffasce, 'e savanielle e tanta cose,
ma appena vène 'o juorno suspirato
nce sfrónno, 'int' 'o canisto, tanta rose.
Chist'angelo ca vène â casa mia,
voglio ch'addora 'e rose 'mbracci'a me.
 
Io ho già la cesta preparata
con le fasce, di ravanelli tante cose,
ma appena arriva il giorno sospirato
nel canestro ci metto i petali di tante rose.
Quest' 'angelo che viene a casa mia,
voglio che profumi di rose in braccio a me.
 
Che fa si notte e ghiuorno
nun mme fa cchiù durmí?
Si chesto ha fatto mamma,
chesto faccio pur'i'.
E che gran cosa, nèh, quanno mme chiamma,
quanno chiamma:"Mammá". Che bellu nomme.
 
Che importa se notte e giorno
non mi fa più dormire?
Se questo ha fatto mamma,
questo faccio anch'io.
E che gran cosa, neh, quando mi chiama,
quando chiama: "Mamma". Che bel nome.
 
E quanno 'o sposo mio
vò' sentere 'e cantá,
lle canto 'a canzuncella
p' 'o fá cchiù cunzulá.
Chella che dice: "E nonna, nunnarella,
'o lupo s'ha magnato 'a pecurella".
E quando il mio sposo
vuol sentir cantare,
gli canto una canzoncina
per farlo consolare.
quella che dice: "E ninna nanna,
il lupo ha mangiato la pecorella".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia