LETTERA 'E NATALE


(Pisano, Cioffi)


 
Mia cara Maria,
si stóngo assaje luntano,
puó' stá sicura,
nun stá 'mpenziero 'e me.
'O suldato italiano
vence sempe e saje pecché?
Pecché si lle spacche 'o pietto,
'ncopp' 'o core, truove scritto:
Patria, onore, ammore e te.
 
Mia cara Maria,
se sono molto lontano,
puoi essere sicura,
non stare in pensiero per me.
Il soldato italiano
vince sempre e sai perchè?
Perchè se gli apri il petto,
sul cuore, trovi scritto:
Patria, onore, amore e te.
 
Vita d' 'a vita mia, core 'e surdato,
core sincero che fa il suo dovere.
'E figlie tuoje, cu mico, só' cuntente
si quanno tuorne, na medaglia 'argiento,
'ncopp'a stu pietto tujo, puorte lucente.
 
Vita della mia vita, cuore di soldato,
cuore sincero che fa il suo dovere.
I tuoi figlie, con me, sono contenti
se quando torni, una medaglia d'argento,
su questo tuo petto, porti lucente.
 
Mia cara Maria,
penzanno ch'è Natale,
ve benedico
e vasa 'a mano a mammá.
'O presebbio ch'io facette,
tale e quale ll'hê 'a tené.
Io ve veco, ore e mumente,
'nnanze a chilli pasturielle
e v'astregno 'mpiett'a me.
 
Mia cara Maria,
pensando che è Natale,
vi benedico
e bacia la mano di mamma.
Il presepe che feci,
tale e quale devi tenerlo.
Io vi vedo, ore e momenti,
davanti a quei pastori
e vi stringo in petto a me.
 
Pate d' 'e figlie mieje, tu staje cu nuje,
ce staje vicino, nun ce staje luntano
e fíglieto 'o cchiù gruosso, Salvatore,
attuorno a stu presebbio tujo,
stasera, nce ha miso na bandiera tricolore.
Padre dei mie figli, tu sei con noi,
ci stai vicino, non sei lontano
e tuo figlio più grande, Salvatore,
intorno a questo tuo presepe,
stasera, ha messo una bandiera tricolore.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia