'O SUSPIRO


(Nisa, Carosone – 1957)


 
Si mámmeta t'ha fatto cu 'abbundanza,
sti ssuttanelle strette,
tu, che t' 'e mmiette a fà?
Sarrà l'effetto della tua presenza
ca, doce doce, mme fa suspirà.
 
Se tua mamma ti ha fatto con l'abbondanza,
queste sottane strette,
che te le metti a fare?
Sarà l'effetto della tua presenza
che, dolcemente, mi fa sospirare.
 
Tu, quanno passe,
mme faje venì na mossa.
Oje vocca rossa,
che sfizio a te vasà.
Tu nun 'o ssaje,
ma chistu core mio
suspira e fa: "Aaaah,
sei una bontà".
Pe' st'uocchie nire,
'mpazzisce 'o gelatiere,
'o ragiuniere
nun riesce a ragiunà.
'O canteniere,
sciacquanno nu bicchiere,
suspira e fa: "Aaaah,
sei una bontà".
Nun 'o vvide ca 'o barbiere
nun 'nzapona e guarda a te?
Mentre 'o cliente,
'a copp' 'a seggia,
zompa e dice: "Ma chi è?"
Tu, quanno passe,
mme faje venì na mossa.
Oje vocca rossa,
che sfizio a te vasà.
Si' na pupata
e tutt' 'o vicinato
suspira e fa: "Aaaah,
sei una bontà".
Tu, quando passi,
mi fai agitare.
Oh bocca rossa,
che bello baciarti.
Tu non lo sai,
ma questo cuore mio
sospira e fa: Aaaah,
sei una bontà".
Per questi occhi neri,
impazzisce il gelataio,
il ragioniere
non riesce a ragionare.
Il cantiniere,
sciacquando un bicchiere,
sospira e fa: Aaaah,
sei una bontà".
Non lo vedi che il barbiere
non insapona e guarda te?
Mentre il cliente
dalla sedia
salta e dice: "Ma chi e?".
Tu, quando passi,
mi fai agitare.
Oh bocca rossa,
che bello baciarti.
Sei una bambola
e tutto il vicinato
sospira e fa: Aaaah,
sei una bontà".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia