ROSA 'MMIEZ'A 'E RROSE


(Pisano, Cioffi – 1934)


 
Quanta cajóle,
quant'aucielle.
Dint'a stu vico tujo
pare na festa.
Canta 'o cardillo,
canta 'a zenzélla,
siente na sinfunìa
for' 'a fenesta.
E po' t'affacce tu
cu st'uocchie nire,
arracque 'e sciure
e te zennìe cu'mmé.
 
Quante gabbie,
quanti uccelli.
In questo tuo vicolo
sembra una festa.
Canta il cardellino,
canta il cincillà,
senti una sinfonia
fuori dalla finestra.
E poi ti affacci tu
con questi occhi neri,
innaffi i fiori
e ammicchi a me.
 
Rosa,
ch' 'a miez'ê rrose
mme tiene mente
e faje nu pizzo a riso,
te guardo
e penz'ô juorno ca te sposo,
te guardo
e penz'ô juorno ca te vaso.
 
Rosa,
che tra le rose
mi guardi
e ti prendi gioco di me.
ti guardo
e penso al giorno che ti sposerò,
ti guardo
e penso al giorno che ti bacerò.
 
A vintun'ora,
cu nu suspiro,
appanne 'e llastre
e dice "Bonasera".
Po', 'a rèt'ê sciure,
mme guarde ancora
e te ne vaje a durmì,
cuntenta e allera.
For'ô balcone mio,
sott' 'a friscura,
mm'addormo e sonno
ca staje 'mbracci'a me.
 
Alle ventuno,
con un sospiro,
appanni i vetri
e dici "Buonasera".
Poi, da dietro i fiori,
mi guardi ancora
e te ne vai a dormire,
contenta e allegra.
Fuori dal mio balcone,
al fresco,
mi addormento e sogno
che sei tra le mie braccia.
 
Rosa,
…….
 
Rosa,
…….
 
Bella e cianciosa,
che paraviso
'o juorno ca te dóngo
mille vase.
Vase azzeccuse,
vase cu 'a stesa,
p' 'o scuorno te faje rossa
e 'ammore trase.
E po' mme dice,
doppo nove mise:
"E' masculillo
e arrassumiglia a te".
 
Bella e vezzosa,
che paradiso
il giorno che ti darò
mille baci,
Baci appiccicosi,
baci appassionati,
per la vergogna diventi rossa
e l'amore entra.
E poi mi dirai,
dopo nove mesi:
"E' un maschietto
e assomiglia a te".
 
Rosa,
…….
Rosa,
…….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia