SUSPIRANNO "MON AMOUR"


(Cesareo, Lombardi – 1955)


 
Bella, tu si' venuta a stu paese
da 'a Francia, che è paese furastiero.
'Ncopp'a sti scene nun pareva overo,
napulitano, 'e te sentì cantà.
 
Bella, tu sei arrivata in questo paese
dalla Francia, che è un paese straniero.
Su questi palchi non sembrava vero
di sentirti cantare in napoletano.
 
Tu t'avvicine suspiranno: "Mon amour"
e se 'ncatena stu core mio.
E po' mme dice chianu chiano: "Je vous aime".
E po', tremmanno, te faje vasà.
 
Tu ti avvicini sospirando: "Mon amour"
e si incatena questo mio cuore.
E poi mi dici piano piano: "Je vous aime".
E poi, tremando, ti fai baciare.
 
E quanno parle tu, pecché mme 'ncante
cu stu ffrancese, ammore mio?
Cu 'e 'mmane 'mmano tu mme dice: "Je t'adore".
No, nun è suonno ca só' felice.

Ma chesta vócca ca mme dice: "Mon cherie",
si 'e me se scorda, mme farrà murì.
 
E quando parli, perchè mi incanti
con questo francese, amore mio?
Con le mani nelle mani mi dici: "Je t'adore".
No, non è un sogno che sono felice.

Ma questa bocca che mi dice: "Mon cherie",
se di me si dimentica, mi farà morire.
 
Stu "toi et moi" s'è fatto 'ntussecuso
e ce 'nzurfammo da 'a matina â sera.
Dice ca mme vuó' bene e si' sincera,
ma è pe' sti scene ca tu mm'hê 'a lassà.
 
Questo "toi et moi" è diventato antipatico
e litighiamo dalla mattina alla sera.
Dici che mi vuoi bene e sei sincera,
ma è per questi palchi che devi lasciarmi.
 
Tu t'avvicine suspiranno: "Mon amour"
…………………………………………….
Tu ti avvicini sospirando: "Mon amour"
…………………………………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia