UOCCHIE D'ORO


(Amendola, Gagliardi)


 
Doje lampetelle addó' ll'uoglio è ll'ammore,
cchiù mm' 'e gguardavo e cchiù mm'annammuravo.
Redévano 'e nnennélle 'e st'uocchie d'oro
quanno, astrignuta a me,
dicive: "Sì".
 
Due lampade dove l'olio è l'amore,
più le guardavo e più mi innamoravo.
Ridevano questi piccoli occhi d'oro
quando, stretta a me,
dicevi: "Sì".
 
Uocchie addó' s'è perduta 'a vita mia,
uocchie ca mo parlate a chisà chi,
cchiù ve guardavo e cchiù ero felice.
Redévano 'e nnennélle 'e st'uocchie d'oro,
'e st'uocchie d'oro.
 
Occhi dove si è persa la mia vita.
occhi che ora parlate a chissà chi,
più vi guardavo e più ero felice.
Ridevano questi piccoli occhi d'oro,
questi occhi d'oro.
 
Doje fèlle 'e luna 'mmiez'ô cielo scuro,
cchiù mm' 'e gguardavo e cchiù mm'annammuravo.
Redevano 'e nnennélle 'e st'uocchie d'oro
quanno, astrignuta a me,
diciste: "Sì".
 
Due fette di luna nel cielo scuro,
più le guardavo e più mi innamoravo.
Ridevano questi piccoli occhi d'oro
quando, stretta a me,
hai detto: "Sì".
 
Uocchie addó' s'è perduta 'a vita mia,
uocchie ca mo parlate 'e chisá chi,
cchiù ve guardavo e cchiù ero felice.
Redévano 'e nnennélle 'e ll'uocchie d'oro,
'e ll'uocchie d'oro.
Occhi dove si è persa la mia vita.
occhi che ora parlate a chissà chi,
più vi guardavo e più ero felice.
Ridevano questi piccoli occhi d'oro,
questi occhi d'oro.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia