VARCA NAPULITANA


(Scala, Frustaci – 1924)


 
Oje mare ca vase 'a banchina,
addó', attaccato, ce sta
na varca cu 'a vela latina1.
Tu sempe mm'hê 'ntiso 'e cantà
e invece mo, tutt'è cagnato,
è ll'ultima notte pe'mmé.
 
Oh mare che baci la banchina,
dove, attaccato, c'è
una barca con la vela latina1.
Tu sempre mi ha sentito cantare
e invece ora, tutto è cambiato,
è l'ultima notte per me.
 
Varca napulitana,
sola tu si' fedele e over'è.
Chella 'nfama è felice luntana,
tu stanotte te pierde cu'mmé.
 
Barca napoletana,
solo tu sei fedele ed è vero.
Quella infame è felice e lontana,
tu stanotte ti perdi con me.
 
Oje varca mia bella,
na vota tu cònnola fuste, mo no.
Stu munno se cagna, è na rota.
Pe'mmé lietto 'e morte si tu.
Ma no, nun teng'odio e perdono
a chi mme cundanna a murì.
 
Oh barca mia bella,
una volta tu eri una culla, ora no.
Questo mondo cambia, è una ruota.
Per me letto di morte sei tu.
Ma no, non ho odio e perdono
chi mi condanna a morte.
 
Varca napulitana,
…………………..
 
Barca napoletana,
……………………
 
Attuorno è silenzio e mistero,
e Napule veco 'e durmì.
Nun pare a me stesso, ma è overo
ca ll'alba nn'arrivo a vedé.
Na varca sperduta, sbattuta,
dimane, p' 'o mare, starrà.
 
Attorno è silenzio e mistero,
e Napoli vedo dormire.
Non me ne capacito, ma è vero
che l'alba non arriverò a vedere.
Una barca persa, sbattuta,
domani, in mare, ci sarà.
 
Varca napulitana,
…………………..

Tu stanotte te pierde cu'mmé.
Barca napoletana,
……………………

Tu stanotte ti perdi con me.


1 La vela latina è un tipo di vela; non deve l'origine del suo nome al popolo dei Latini, come si potrebbe erroneamente pensare, ma alla sua forma triangolare (vela alla trina, cioè a triangolo) per distinguerla dalle vele cosiddette "alla quadra", di forma rettangolare o trapezoidale.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia