Cimitero delle Fontanelle

Storia
Dove si trova - mappa
Foto
Interno >>

Un commento su “Cimitero delle Fontanelle

  1. È nota tutta la storia del cimitero delle fontanelle e le ragioni dei rituali che vi sono legati ad opera della devozione dei napoletani, ma forse non pochi, dediti allo studio dei risvolti esoterici, vorrebbero venirne a conoscenza. Ed ecco la ragione di questa mia recensione.

    Nel cranio si attua uno dei sigilli fondamentali del mistero della morte e redenzione il cui nesso è legato al sale. I gruppi alchemici rosacrociani lo simboleggiavano con un cerchio tagliato a metà da una linea orizzontale Θ. Esso deriva dalla theta maiuscola di Thanatos, che in greco significa «morte». Frequentamente in alchimia il sale rappresenta il processo mentale, che è un processo di morte. Il sale, come residuo dell’attività spirituale che avviene nella nostra mente è la scoria che resta quando la vita è volata via, è il cranio, il caput mortuum, la polvere bianca residua dopo l’estrazione dell’oro. È la cenere del pensiero.
    Il caput motuum è il cosiddetto Terzo Sale, fondamentale per l’opera alchemica conclusiva per costituire uno dei componenti dell’uovo filosofale. Quando la testa – o la sua attività spirituale che chiamiamo mente – raggiunge il punto in cui non è più in grado di capire, in cui l’ordine dell’universo sembra frantumarsi, allora produce lacrime salate.
    Nel vangelo di Matteo, infatti, «sale della terra» sono gli eletti, ossia gli iniziati e non, come si tende oggi a pensare, quanti sono poco più che semplici contadini. Nei secoli lontani gli eletti sedevano al posto d’onore, «più in alto del sale», perché avevano conquistato il sale che avevano dentro di sé. Nell’Apocalisse di Giovanni 7,4 si parla dei centoquarantaquattromila segnati di tutte le tribù dei figli d’Israele e sono quelli che dopo la loro tribolazione «Non avranno più fame e non avranno più sete, non li colpirà più il sole né alcuna arsura; perché l’Agnello che è in mezzo al trono li pascerà e li guiderà alle sorgenti delle acque della vita; e Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi” » (Ap 7,16-17). Ed ecco spiegato il mistero delle “lacrime salate”, le lacrime amare.

    Gaetano Barbella

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia