'A FATA D' 'E SUONNE


musicaSergio Bruni testoGiuseppe Marotta data1960


 
Sí, t' 'o scrivo 'stu bigliettino.
Sí, t' 'a faccio 'sta serenata.
Ma, cu 'a penna o cu 'o mandulino,
che te dico? Stamme a sentí.
 
Sì, te lo scrivo questo bigliettino
Sì, te la faccio questa serenata.
Ma, con la penna e il mandolino,
che ti dico? Stammi a sentire.
 
Maria, Marí,
'st'uocchie lucente e 'sta vucchella rossa,
primma ca tu nascive,
Napule s' 'e ccantava.
'Stu nomme tuojo, Marí', s' 'o cunnuliava
'na cònnola 'e mare,
doce doce.
Tu sî 'a fata d' 'e suonne,
c'aspettavano a te.
 
Maria, Maria,
questi occhi lucenti e questa boccuccia rossa,
prima che tu nascessi,
Napoli li cantava.
Questo tuo nome, Maria, se lo cullava
una culla di mare,
dolcemente.
Tu sei la fata dei sogni,
che aspettavano te.
 
Sí, t' 'o ggiuro ca sî 'a cchiù bella.
Sí, t' 'e mmanno 'sti rrose gialle.
Ma si arriva 'sta 'mmasciatella,
che te dice? Stamme a sentí.
 
Sì, te lo giuro che sei la più bella.
Sì, te le mando queste rose gialle.
Ma se arriva questo messaggio,
che ti dice? Stammi a sentire.
 
Maria, Marí',
……………
Maria, Marí',
……………

La canzone fu cantata per la prima volta dallo stesso Sergio Bruni. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Mario Trevi, Peppino Brio e Mario Merola.

Un commento su “‘A fata d’ ‘e suonne

  1. Eccezionale,per un appassionato della musica napoletana,grazie.

Rispondi a vincenzo Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia