GUAGLIONE


musicaGiuseppe Fanciulli testoNisa1 data1956


 
Staje sempe cca, 'mpuntato cca,
'mmiez'a 'sta via,
nun mange cchiù, nun duorme cchiù,
che pecundría.
Gué piccerí, che vène a dí
'sta gelusia?
Tu vuó suffrí,
tu vuó murí,
chi t' 'o ffá fá.
 
Sei sempre qui, piazzato qui,
in mezzo a questa strada,
non mangi più, non dormi più,
che tristezza.
Ehi piccolo, che vuol dire
questa gelosia?
Tu vuoi soffrire,
tu vuoi morire,
chi te lo fa fare.
 
Curre 'mbraccio addu mammá,
nun fá 'o scemo piccerí,
dille tutt' 'a veritá
ca mammá te po' capí.
 
Corri tra le braccia della mamma,
non fare lo scemo piccolo,
dille tutta la verità
che la mamma ti può capire.
 
E passe e spasse sott'a 'stu barcone,
ma tu sî guaglione.
Tu nun canusce 'e ffemmene,
sî ancora accussí giovane.
Tu sî guaglione.
Che t'hê miso 'ncapa?
Va' a ghiucá 'o pallone.
Che vònno dí 'sti llacreme?
Vatté, nun mme fá ridere.
 
E passi e ripassi sotto a questo balcone,
ma tu sei un ragazzo.
Tu non conosci le donne,
sei ancora così giovane.
Tu sei ragazzo.
Cosa ti sei messo in testa?
Vai a giocare a pallone.
Cosa vogliono dire queste lacrime?
Va via, non farmi ridere.
 
Curre 'mbraccio addu mammá,
nun fá 'o scemo piccerí,
dille tutta 'a veritá
ca mammá te po' capí.
 
Corri tra le braccia della mamma,
non fare lo scemo piccolo,
dille tutta la verità
che la mamma ti può capire.
 
Nun 'e ppittá, nun 'allisciá
sti mustacciélle.
Nun cerca a te, nun so' pe te
chill'uocchie belle.
Nun 'a penzá, va' a pazziá
cu 'e guagliunciélle.
Nun t'avvelí,
c'è tiempo oje ni',
pe te 'nguajá.
 
Non li sistemare, non li lisciare
questi baffetti.
Non cerca te, non sono per te
quegli occhi belli.
Non pensarla, vai a giocare
con le ragazzine.
Non avvilirti,
c'è tempo, o amore,
per rovinarti.
 
Chi desidere 'e vasá,
scordatélla, piccerí,
ca si 'o ddiceno a papá,
chisá comme va a ferní.
 
Chi desideri baciare,
dimenticala, piccolo,
che se lo dicono a papà,
chissà come va a finire.
 
E passe e spasse sott'a 'stu barcone,
…………………………………………..
 
E passi e ripassi sotto a questo balcone,
………………………………………………
 
Staje sempe cca, 'mpuntato cca,
'mmiez'a 'sta via.
Nun mange cchiù, nun duorme cchiù,
chi t' 'o ffá fá.
Sei sempre qui, piazzato qui,
in mezzo a questa strada,
non mangi più, non dormi più,
chi te lo fa fare.

Il brano fu presentato al quarto Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 21 al 23 giugno 1956. Nell’occasione, fu interpretata da Aurelio Fierro e Grazia Gresi, classificandosi al primo posto. La canzona ebbe subito un enorme successo, sia in Italia che all’estero. Lo stesso anno ispirò l’omonimo film diretto da Giorgio Simonelli. Anche in questo caso, il successo fu tale che l’anno dopo fu girato anche il sequel “Non sono più guaglione”, diretto da Domenico Paolella. Tra le altre interpretazioni del brano, ricordiamo quelle di Carlo Buti, Fausto Cigliano, Claudio Villa, Roberto Murolo, Renato Carosone, Renzo Arbore, Maria Paris, Mario Trevi, Peppino Di Capri, Patti Pravo, Gigi D’Alessio e Briga, Nino D’Angelo e Massimo Ranieri. Tra le versioni straniere, invece, da ricordare quella in lingua francese di Dalida, dal titolo “Bambino”, e quella in lingua inglese di Patrizio Buanne, intitolata “Bella bella signorina”.
1 Nisa è lo pseudonimo utilizzato dal paroliere e compositore Nicola Salerno.

5 commenti su “Guaglione

  1. Ho trovato in questa poesia lo spirito dell’università che sto frequentando: aiutare se stessi per poter aiutare gli altri, partendo dal punto di vista che è con l’Altro che cresco e mi evolvo, quindi, quando “so di non sapere” sono consapevole della mia fragilità, allora posso chiedere aiuto e, con il tempo l’aiuto che ho ricevuto e che mi ha fatto evolvere, posso utilizzarlo per aiutare ad evolvere altre persone. Questa dovrebbe essere l’attenzione che si dovrebbe avere nei confronti dei ragazzi, i cosiddetti adolescenti, che vivono in una realtà densa e allo stesso tempo liquida…..ok, spero di non aver annoiato nessuno…grazie!!!

    • Annoiato ? Scherzi. Tutto il contrario.
      Hai scritto parole sagge, vere, sacrosante e soprattutto belle.
      Grazie.

  2. bellissima canzone per par condicio uguale a lazzarella .
    le canzoni napoletane le più belle . detto da un sardo

  3. bellissima canzone intelligente scanzonata e con una punta di malinconia

Rispondi a Nikolaus KMK Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia