SENZA NISCIUNO


musicaErnesto De Curtis testoAntonio Barbieri data1915


 
Tramonta 'o sole,
vintiquatt'ore.
Sona 'Avemmaria.
Senza parole
mme faccio 'a croce
e penzo a mamma mia.
 
Tramonta il sole,
le ventiquattro.
Suona l'Ave Maria.
Senza parole
mi faccio la croce
e penso a mia madre.
 
Che malasciorte, ahimé.
Sulo,
senza nisciuno.
E tu,
tu morta sî pe mme,
tu morta sî pe mme.
 
Che sfortuna, ahimè.
Solo,
senza nessuno.
E tu,
tu sei morta per me,
tu sei morta per me.
 
E tu addó staje?
Tu ride e sî felice
o sî scuntenta?
Nun chiagne maje?
E 'stu turmiento
nun te turmenta?
 
E tu dove sei?
Tu ridi e sei felice
o sei scontenta?
Non piangi mai?
E questo tormento
non ti tormenta?
 
Che malasciorte, ahimé.
Sulo,
senza nisciuno.
E tu,
tu morta sî pe mme,
tu morta sî pe mme.
Che sfortuna, ahimè.
Solo,
senza nessuno.
E tu,
tu sei morta per me,
tu sei morta per me.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Francesco Albanese, Beniamino Gigli, Nunzio Todisco, Enrico Caruso, Giuseppe Taddei, Tito Schipa, Mario Lanza e Giacomo Rondinella.

Rispondi a kkgg Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia