'A PRIMMA 'NNAMMURATA


musicaPasquale Ernesto Fonzo testoErnesto Murolo data1917


 
Ajere, pe Tuleto, mme 'ncuntraje
cu 'a primma e sola 'nnammurata mia:
ll'uocchie pittate… ddó' passaje lassaje
tutt' 'e prufume 'e 'na prufumeria.
E a vint'anne turnaje cu stu penziero,
chilli vint'anne ca nun tengo cchiù.
 
Ieri per Toledo mi incontrai
con la mia prima e sola fidanzata:
gli occhi truccati… dove passò lasciò
tutti i profumi di una profumeria.
E a vent'anni ritornai con questo pensiero,
quei vent'anni che non ho più.
 
Ll'ammore è 'na ferita
ca 'o tiempo po' saná,
ma te rummane 'o segno tutt' 'a vita
pe t' 'a fá ricurdá!
 
L'amore è una ferita
che il tempo può sanare,
ma ti rimane il segno tutta la vita
per fartela ricordare.
 
E mme so' ricurdato 'na fenesta.
Maria 'mmiez'ê glicínie rampicante,
ddoje fronne 'aruta 'mpietto, 'o juorno 'e festa,
e na vesta cu 'e mmane soje cusute,
dduje curallucce â recchia pe' brillante,
'nu poco 'e cipria 'nfaccia e niente cchiù.
 
E mi sono ricordato una finestra.
Maria tra le glicinie rampicanti,
due foglie di ruta in petto, il giorno di festa,
e un vestito cucito con le sue mani,
due corallini all'orecchio come brillanti,
un po' di cipria in viso e niente più.
 
Ll'ammore è 'na ferita
……………………….
 
L'amore è una ferita
……………………….
 
E doppo 'n'esistenza 'ntussecata,
che 'a vita nosta 'nu rumanzo fuje,
essa pigliaje 'na strada, io 'n'ata strada,
ma cu 'na spina ô core tutt'e dduje!
E 'a tant'anne, d' 'e llacreme chiagnute,
n'è rummasa una e nun s'asciutta cchiù.
 
E dopo un'esistenza rovinata,
perchè la nostra vita fu un romanzo,
lei prese una strada, io un'altra strada,
ma con una spina al cuore tutti e due!
e dopo tanti anni, delle lacrime piante,
ne è rimasta una e non si asciuga più.
 
Ll'ammore è 'na ferita
……………………….
L'amore è una ferita
……………………….

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Giulietta Sacco, Roberto Murolo e Peppino Di Capri.

3 commenti su “‘A primma ‘nnammurata

  1. Sono un paroliere ed autore del libro SCRIVERE IL DIALETTO NAPOLETANO. Reputo questo testo tra i belli e delicati della “Classica Napoletana.

    • Cercherò il tuo libro”Scrivere il dialetto napoletano”. Io ho già il Dizionario Napoletano semantico-etimologico di Carlo Iandolo Cuzzolin SRL. Sono un Napoletano per scelta: su 4 nonni solo un era meridionale, gli altri due della Serenissima e il terzo fu Trombettiere ufficiale di Spedizione dei 1000 (bergamasco). Ma ripeto ho scelto la lingua e la cultura napoletana per passione. Mi farà piacere leggere il tuo libro. Se mi aiuti a trovarlo in rete me lo regalo per l’estate 2019. Grazie.
      Vorrei aggiungere i titoli delle canzoni e delle poesie che piacciono a me, ma sono … tutti!
      A presto Michele Masi nipote di Giuseppe Tironi, Trombettiere dei Mille, e di Michel Masi pittore della scuola Impressionisti Veneti di Alessandro Milesi.

  2. Il mio bisnonno da parte di madre era Pasquale Ernesto Fonzo l’autore della musica di questa canzone. Sto cercando di ricostruire la storia di questo mio illustre avo, perché in famiglia il materiale è andato disperso. Anche il mio trisavolo Vincenzo Fonzo padre di Pasquale Ernesto era un noto musicista della prima metà del 1800. Padre e figlio furono entrambi dei grandi pianisti. Vincenzo pare fosse musico di corte sotto il re Ferdinando II di Borbone. Mia madre, la nipote di Pasquale Ernesto, mi dice che esisteva un libro che conteneva una dettagliata biografia di suo nonno, ma non sono riuscito a risalire a questa pubblicazione. Va detto che mio nonno, il figlio di Pasquale Ernesto, dopo aver fatto l’ufficiale di cavalleria e combattuto la I guerra mondiale si trasferì a Milano e mia madre e i miei zii sono tutti nati a Milano. A Napoli restarono le due figlie di Pasquale Ernesto, ma anche i loro figli e nipoti non vivono più a Napoli. Invito chi dovesse avere materiale sui Fonzo musicisti e compositori a contattarmi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia