'A PRIMMAVERA


dataXIX secolo


 
A primmavera, belle
e allecre fujeno ll'ore.
Mo sciure e palumelle
tornano a fa l'ammore.
So' belle lli campagne,
ma volarria sapè
pecchè suspira e chiagne
'stu core mio pe tte.
 
In primavera, belle
e allegre furono le ore.
Ora fiori e farfalle
tornano a far l'ammore.
Sono belle le campagne,
ma vorrei sapere
perchè sospira e piange
questo cuore mio per te.
 
Coglite vuje figliole
roselle a primmavera.
La luce de lo sole
a me non dice "spera".
Viole e gesummine
coglite vuje, nennè.
I' coglio sulo spine,
sciore nun c'è pe mme.
 
Raccogliete voi ragazze
rose in primavera.
La luce del sole
a me non dice "spera".
Viole e gelsomini
raccogliete voi, ragazze.
Io raccolgo solo spine,
fiore nun c'è per me.
 
La luna co lo raggio
mo tutto fa d'argiento.
E tornarrà lo maggio
e tornarrà lu viento
Ogne staggione vene,
ogn'anno se ne va.
Chi me voleva bene
sulo nun po' tornà.
La luna con un raggio
ora tutto colora d'argento.
E tornerà maggio
e tornerà il vento.
Ogni stagione arriva,
ogni anno se ne va.
Chi me voleva bene
soltanto non può tornare.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Fausto Cigliano e Roberto Murolo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia