'A RESATELLA


musicaAmedeo Olivares testoFilibello1 data1958


 
'Sti ffemmene, 'sti ffemmene so' comme 'e piscature
e dint'â rezza a nuje c'hann' 'a piglià,
ma ll'uommene, ma ll'uommene so' nate cacciature
e vanno a caccia pure pe se spassà.
 
Queste donne, queste donne sono come i piscatori
e nella rete a noi ci devono prendere.
ma gli uomini, ma gli uomini sono nati cacciatori
e vanno a caccia anche per divertirsi.
 
Ma dimme 'a verità, cu 'sta resatella
tu me vuò fà vedè 'sta vocca bella..
Te veco ogne matina ca staje guardanno 'o sole
comm'a 'na rosa pronta pe schiuppà.
Ma che t'affacce a fà for'â luggetella,
'o ssaccio che vuò tu e nun m' 'o scordo cchiù.
Me vuò fà 'nnammurrà, me vuò fà 'nnammurrà,
Me vuò fà 'nnammurrà cu 'sta resatella.
 
Ma dimmi la verità, con questa risata
tu mi vuoi far vedere questa bocca bella.
Ti vedo ogni mattina che stai guardando il sole
come una rosa pronta per sbocciare.
Ma che ti affacci a fare fuori dalla terrazza,
lo so cosa vuoi tu e non me lo dimentico più.
Mi vuoi fare innamorare, mi vuoi fare innamorare,
mi vuoi fare innamorare con questa risata.
 
E' inutile, è inutile ca dice dint'ô vico
“Se so' giurate che s'hann' 'a spusà”.
So' chiacchere, so' chiacchere. Io so' pe tte 'n'amico
e amico sulamente voglio restà.
 
E' inutile, è inutile che dici nel vicolo
“Si sono giurati che si devono sposare”.
Sono chiacchiere, sono chiacchiere. Io sono per te un amico
e amico solamente voglio restare.
 
Ma dimme 'a verità, cu 'sta resatella
………………………….
 
Ma dimmi la verità, con questa risata
………………………….
 
Ma che t'affacce a fà for'â luggetella,
'o ssaccio che vuò tu e nun m' 'o scordo cchiù.
Me vuò fà 'nnammurrà, me vuò fà 'nnammurrà,
Me vuò fà 'nnammurrà cu 'sta resatella.
Me vuò fà 'nnammurrà, me vuò fà 'nnammurrà,
Me vuò fà 'nnammurrà cu 'sta resatella.
Pecchè me vuò 'ncantà cu 'sta resatella.
Ma che ti affacci a fare fuori dalla terrazza,
lo so cosa vuoi tu e non me lo dimentico più.
Mi vuoi fare innamorare, mi vuoi fare innamorare,
mi vuoi fare innamorare con questa risata.
Mi vuoi fare innamorare, mi vuoi fare innamorare,
mi vuoi fare innamorare con questa risata.
Perchè mi vuoi incantare con questa risata.

Il brano fu presentato alla terza edizione del Festival di Zurigo (noto anche come Festival della Canzone Italiana di Zurigo). Nell’occasione fu cantato da Giacomo Rondinella, piazzandosi al primo posto.
1 Filibello è lo pseudonimo utilizzato dal paroliere, giornalista e compositore Filippo Bellobuono.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia