'A REGGINA D' 'E TARANTELLE


musicaAlfredo Giannini testoEnzo Raul1 data1952


 
Tarantella fresca e bella,
co lariulì co lariulà,
'nzieme cu tte voglio abballà.
Tu qua' samba, qua' beguine,
rasba e sbirù, ma che vuò fà,
che vuò “sbirà”, che vuò “rasbà”.
Cu 'sti nacchere e 'sti tamburrielle
'mmiez'â gente vulimme abballà
sotto â pergola e 'sti lampiuncielle
ca cchiù bella te fanno parè.
 
Tarantella fresca e bella,
con lariulì con lariulà,
insieme a te voglio ballare.
Tu quale samba, quale beguine,
raspa e spirù, ma che vuoi fare,
che vuoi “spirare”, che vuoi “raspare”.
Con queste nacchere e questi tamburelli
tra la gente vogliamo ballare
sotto la pergola e questi lampioncini
che più bella ti fanno apparire.
 
Tarantella, tarantella,
cu 'stu ffuoco ca miette tu
balla 'o sole, 'a luna e 'e stelle
tutto 'o popolo appriesso a te.
Manco 'o mare cchiù calmo se sta,
'o Vesuvio se mette a fumà.
Tutta Napule 'e botta se sceta,
felice e cuntenta se mette a ballà.
 
Tarantella, tarantella,
con questo fuco che metti tu
balla il sole, la luna e le stelle
tutto il popolo insieme a te.
Nemmeno il mare più calmo rimane,
il Vesuvio si mette a fumare.
Tutta Napoli di colpo si sveglia,
felice e contenta si mette a ballare.
 
Quanta e quanta furastiere
veneno cca pe te vedè.
Vonno abballà, ma c'hann' 'a fà,
chesta è rrobba brevettata,
co lariulì, co lariulà.
Nun c'è che fà, hann' 'a sparì.
'Sti capille che quanno te votte
'nnanze all'uocchie te vanno a cadè,
'sta faccella, 'sti ccosce, 'sta vocca
songo cose da fa stravedè.
 
Quanti e quanti stranieri
vengono qua per vederti.
Vogliono ballare, ma che devono fare,
questa è una cosa brevettata,
con lariulì, con lariulà.
Non c'è niente da fare, devono sparire.
Questi capelli, che quando ti scateni
davanti agli occhi ti cadono,
questo faccino, queste cosce, questa bocca
sono cose che fanno stravedere.
 
Tarantella, tarantella,
………………………….
 
Tarantella, tarantella,
………………………….
 
'St'uocchie belle te luceno già,
lariulì, lariulì, lariulà.
Jammo, abballa, ca 'e tutt' 'e reggine,
stanotte, 'a reggina cchiù bella sî tu.
Questi occhi belli ti brillano già,
lariulì, lariulì, lariulà.
Andiamo, balla, che di tutte le regine,
stanotte, la regina più bella sei tu.

Il brano fu presentato al primo Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 28 al 30 settembre. Nell’occasione fu cantato da Pina Lamara e Carla Boni.
1 Enzo Raul è lo pseudonimo utilizzato da Vincenzo Irolli.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia