ARRI ARRI CAVALLUCCIO


musicaFurio Rendine testoVincenzo De Crescenzo data1956


 
M'annammuraje, nun saccio comme fuje,
me se fermajeno 'e rrote d' 'a carrozza.
E fujeno certamente ll'uocchie suoje
ca mm'encantajeno 'e rredini e 'a bacchetta.

Arri, arri, arri cavalluccio.
Arri A, arri a
Arri a, arri ca nun sì ciuccio
Arri a, arri a.
 
Mi innamorai, non so come successe,
mi si fermarono le ruote della carrozza.
E furono certamente gli occhi suoi
che m'incantarono le redini e la bacchetta

Arri, arri, arri cavalluccio.
Arri a, arri a
Arri a, arri che non sei un asino
Arri a, arri a.
 
Jammuncenne e miett'o trotto
che arrivammo 'mpunt'all'otto
dint'ê braccia 'e Perzechella1.
Tira e molla cu na mano
pe lle dicere che è bella
sott'a 'n'albero luntano.
Arri a, che bella cosa
sott'a 'n'albero 'e cerese.
quann'o sole se ne trase.
Cavallù.
 
Andiamo e vai col trotto
che arriviamo in punto alle otto
tra le braccia di Perzechella1.
Tira e molla con una mano
per dirle che è bella
sotto a un albero lontano.
Arri a, che bella cosa
sotto a un albero di ciliegie.
quando il sole cala.
Cavallù.
 
Teneva attuorno mille pretendenti,
pe fino 'nu sergente 'e fanteria.
Io nun tenevo proprio 'o riesto 'e niente,
mo saglie a monte e guardo 'a massaria.

Arri a, arri a.
 
Aveva intorno mille pretendenti,
perfino un sergente di fanteria.
Io non possedevo proprio niente,
ora salgo sul monte e guardo la masseria.

Arri a, arri a.
 
Jammuncenne e miett'o trotto
………………………….
 
Andiamo e vai col trotto
………………………….
 
Arri a, arri a Arri a, arri a

Il brano fu inciso e portato al successo da Franco Ricci. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quella di Domenico Attanasio.
1 Letteralmente "Perzechella" significa "piccola pesca", ma, in napoletano, il termine è spesso usato per riferirsi a donne giovani che hanno una pelle liscia e colorita, proprio come una pesca.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia