ARIETTA MALINCONICA


musicaUmberto Colonnese testoLibero Bovio data1928


 
Vint'anne! E quanta suonne
sunnate 'ncopp'a ll'onne
dint'a 'na varca a mare.
Vint'anne! E quanta stelle
cuntate a una a una
dint'ê nuttate belle,
dint'ê nuttate 'e luna
a Marechiare!
 
Vent'anni! E quanti sogni
sognati sulle onde
in una barca a mare.
Vent'anni! E quante stelle
contate a una a una
nelle nottate belle,
nelle nottate di luna
a Marechiaro.
 
Quanta canzone cantate,
quanta feneste arapute,
quanta figliole affacciate
pe ssentì chesta voce,
malinconica e ddoce,
'int'â notte, 'e cantà!
 
Quante canzoni cantate,
quante finestre aperte,
quante ragazze affacciate
per sentire questa voce,
malinconica e dolce,
nella notte, cantare.
 
Vint'anne! Belli tiempe
ca je m'allicordo sempe
cu 'na malincunia.
Ammore, ammore, ammore
e 'o portafoglio asciutto.
Ero 'nu gran signore,
pecchè penzava a tutto
mammella mia.
 
Vent'anni! Bei tempi
che io mi ricordo sempre
con una malinconia.
Amore, amore, amore
e il portafoglio asciutto.
Ero un gran signore,
perchè pensava a tutto
la mia mamma.
 
Quanta canzone cantate,
…………………..
 
Quante canzoni cantate,
…………………..
 
Vint'anne! E comm'è stato
ca tutto s'è cagnato
e me so' fatto viecchio?
Che suonno! Pare ajere
quanno 'int'â varca a mmare
cantavo tutt' 'e ssere,
e 'a grotta 'e Marechiare
era 'nu specchio!
 
Vent'anni! E come è successo
che tutto è cambiato
e sono diventato vecchio?
Che sogno! Sembra ieri
quando nella barca a mare
cantavo tutte le sere
e la grotta di Marechiaro
era uno specchio.
 
Quanta canzone cantate,
…………………..
Vint'anne! Quanta canzone cantate.
Quante canzoni cantate,
…………………..
Vent'anni! Quante canzoni cantate.

Tra le interpretazioni di questo brano, ricordiamo quelle di Gennaro Pasquariello, Anna Walter e Miscel (nome d’arte del tenore Michele Cimato).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia