AMMORE, AMMORE


musicaD. Duccio, Ovidio Sarra testoAstro Mari data1957


 
Chest'è a cchiù bella serata
d' 'a vita mia.
Comme me sento felice
vicino a tte.
Tengo 'int'ê bbraccia 'na fata
chiena 'e malia,
ca suspiranno me dice:
"statte cu mme".
 
Questa è la più bella serata
della vita mia.
Come mi sento felice
vicino a te.
Ho tra le braccia una fata
piena di magia,
che sospirando mi dice
"stai con me".
 
Ammore, ammore,
nuje ce vulimmo bene,
'sti ddoje catene
nisciuno 'e ppuò spezzà.
Ammore, ammore,
cu ll'uocchie ce capimmo,
e ce dicimmo
"che smania 'e te vasà".
 
Amore, amore,
noi ci vogliamo bene,
queste due catene
nessuno le può spezzare.
Amore, amore,
con gli oocchi ci capiamo,
e ce dicimmo
"che voglia di baciarti".
 
'O ssaje ca te desidero
e nun te voglio perdere,
pecché 'stu core mio
tu sola 'o ffaje campà.
Ammore, ammore
quant'anne po' durà
'stu bbene ca nun more?
'N'eternità.
Ammore, ammore
quant'anne po' durà,
'stu bbene ca nun more?
'N'eternità.
Lo sai che ti desidero
e non ti voglio perdere,
perché questo cuore mio
tu soltanto lo fai vivere.
Amore, amore,
quanti anni può durare
questo bene che non muore?
Un'eternità.
Amore, amore,
quanti anni può durare
questo bene che non muore?
Un'eternità.

Il brano, tratto dal film “Vivendo cantando… che male ti fò?”, fu cantato da Claudio Villa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia