'A LUNTANANZA


musicaEduardo Di Capua testoPasquale Cinquegrana data1892


 
E so' turnate 'e fravole,
turnate so' 'e ccerase,
che belli vvoce! Sientele,
segno c'abbrile trase.
 
E sono tornate le fragole,
sono tornate le ciliegie,
che belle voci! Sentile,
segno che aprile incomincia.
 
Quanno 'sti tiempe tornano,
tornano 'e ccose belle:
'e sciure 'ncopp'a ll'arbere,
'mpietto li passiuncelle.
 
Quando questi tempi tornano,
tornano le cose belle:
i fiori sugli alberi,
nel petto le passioni.
 
Pe quanta fronne spontano,
tanta suspire i' manno
a ninno mio simpatico
ca sta luntano 'a 'n'anno.
 
Tante foglie spuntano
quanti sospiri io mando
al mio amore simpatico
che sta lontano da un anno.
 
Cuntà se ponne 'e secule,
l'anne, 'e minute, ll'ore,
ma 'e ppene de 'stu core
nisciuno 'e ppo' cuntà.
 
Si possono contare i secoli,
gli anni, i minuti, le ore,
ma le pene di questo cuore
nessuno le può contare
 
Quanno ce salutajemo,
i' nun m' 'o scordo maje:
parlare ce vulevemo,
m' 'a voce ce mancaje.
 
Quando ci salutammo,
io non me lo dimenticherò mai:
ci volevamo parlare,
ma la voce ci mancò.
 
P'affinà ll'oro, sienteme
fuoco nce vo' e sustanza:
e p'affinà 'na femmena
ce vo' 'a luntananza.
 
Per affinare l'oro, ascoltami,
ci vuole fuoco e sostanza:
e per affinare una donna
ci vuole la lontananza.
 
L'aggio mannato a dicere
ca songo sempe 'o stesso,
ca manca esco 'a dummeneca,
pe me sentì 'na messa.
 
Le ho mandato a dire
che sono sempre lo stesso,
che non esco nemmeno la domenica
per sentirmi una messa.
 
Cuntà se ponno 'e secule,
………………..
Si possono contare i secoli,
………………..


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia