'A LUNA E 'O MARE


musicaRodolfo Falvo testoGigi Pisano data1926


 
Diceva 'a luna janca: "Oje mare, mare,
nun voglio fá cchiù luce quann'è 'a sera.
Mme dispiace pe 'sti marenare,
ma, a 'stu paese, nun ce vengo cchiù.
 
Diceva la luna pallida: "O mare, mare,
non voglio far più luce quando è sera.
mi dispiace per questi marinai,
ma, in questo paese, non ci vengo più.
 
Cca se spassano a fá 'ammore
quann'io songo chiara chiara
e nun sanno ca pur'io tengo 'nu core,
comm' 'o tiene pure tu.
 
Qua si divertono a far l'amore
quando sono chiara chiara
e non sanno che anch'io ho un cuore,
come ce l'hai anche tu.
 
Oje mare, mare,
a Napule so' tutte 'nnammurate,
'e ffemmene so' troppo appassiunate.
Mme ne vaco,
accussí voglio vedé
comme fanno senz' 'e me".
 
O mare, mare,
a Napoli sono tutti innamorati,
le donne sono troppo passionali.
Me ne vado,
così voglio vedere
come faranno senza di me.
 
E rispunnette 'o mare: "Oje luna, luna,
chi, meglio 'e te, mme po' dá cchiù ragione?
Ma tu t' 'e gguarde sulo, pe furtuna,
mentr'io nun saccio cchiù che suppurtá.
 
E rispose il mare: "O luna, luna,
chi, meglio di te, mi può dar più ragione?
Ma tu, li guardi soltanto, per fortuna,
mentre io non so più cosa sopportare.
 
Varchetelle a centenare,
vase, lacreme, suspire.
E po doppo, siente 'e dicere: "E' 'stu mare
ca peccato ce fa fá!"
 
Barchette a centinaia,
Baci, lacrime, sospiri.
E poi dopo, senti dire: "E' questo mare
che peccato ci fa fare!"
 
Oje luna, luna,
a Napule so' tutte 'nnammurate,
'e ffemmene so' troppo appassiunate.
Mme ne vaco,
accussí voglio vedé
comme fanno senza 'e me".
 
O luna, luna,
a Napoli sono tutti innamorati,
le donne sono troppo passionali.
Me ne vado,
così voglio vedere
come faranno senza di me".
 
'Nu viecchio piscatore ca sentette
chistu trascurzo fatto dint'â notte,
"Tu nun capisce, oje luna," lle dicette
"si te ne vaje che male ce puó fá!
Cca se magna pane e ammore,
cca se canta pe 'stu mare.
E si, overo, tutt'e dduje tenite core,
nun ce avit' 'a abbanduná".
 
Un vecchio pescatore che sentì
questo discorso fatto nella notte,
"Tu non capisci, o luna" le disse
"se te ne vai che male ci puoi fare.
Qui si mangia pane e amore,
qui si canta per questo mare.
E se, davvero, tutti e due avete un cuore,
non ci dovete abbandonare".
 
'A luna e 'o mare,
sentenno 'stu pparlá doce e curtese,
dicettero: "Chi 'o lassa 'stu paese?
Va' nce 'o ddice ca restammo sempe cca,
pe delizia 'e 'sta cittá!"
La luna e il mare,
sentendo questo parlare dolce e cortese,
dissero: "Chi lo lascia questo paese?
Diglielo che resteremo sempre qua,
per delizia di questa città".

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quella di Franco Capaldo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia