'A LUNA CHIENA


musicaFurio Rendine testoVincenzo De Crescenzo data1955


 
E chesta è 'n'ata sera
ca me pareva allera,
ma, bell'e bbuono senza ce penzà,
turnammo 'accummincià.
 
E questa è un'altra sera
che mi sembrava allegra,
ma, all'improvviso senza pensarci,
torniamo da capo.
 
Nun è cuntenta ancora
'sta bella luna chiena
e all'urdemo d' 'a sera
me vene appriesso e nun me vo' lassà.
 
Non è contenta ancora
questa luna piena
e a fine serata
mi viene dietro e non mi vuole lasciare.
 
E me fa tanto male 'sta luna chiena
ca, 'int'ô chiù bello, me parla 'e chella.
E accuminciammo 'o solito riturnello
"Ricuordatella, nun t' 'a scurdà".
 
E mi fa tanto male questa luna piena
che, sul più bello, mi parla di quella.
E cominciamo il solito ritornello
"Ricordatela, non te la dimenticare".
 
Luna chiena,
addò sta
chi diceva
"Pe tte voglio campà"?
 
Luna piena,
dove sta
chi diceva
"Per te voglio vivere"?
 
Tutto me parla 'e chella
ca me dà pena.
Oje luna chiena
che spont'a ffà?
 
Tutto mi parla di quella
che mi dà pena.
O luna piena,
che spunti a fare?
 
Amice, dicitencello vuje
ca me fa male assaje
'sta luna chiena.
Amici, diteglielo voi
che mi fa molto male
questa luna piena.

Il brano fu presentato al terzo Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 16 al 18 giugno. Nell’occasione fu cantato da Franco Ricci e Gino Latilla, piazzandosi al quinto posto. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Franco Bolignari, Aurelio Fierro e Claudio Villa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia