'A LUCIANA


musicaGiuseppe Cioffi testoLuigi Cioffi data1953


 
Porta ancora 'o scialle 'e lusso,
porta ancora 'a pettenessa1.
'Sta luciana2, quanno passa,
nun te fa cchiù raggiunà.
Ê vvote, 'a 'ncontro pe Santa Lucia,
e che maretta dint'ô core mio!
Si penzo d' 'a fermà,
si cerco 'e 'nce parlà,
chella me guarda stuorto e m'aggi' 'a stà.
 
Porta ancora lo scialle di lusso,
porta ancora il pettine tra i capelli1.
Questa luciana2, quando passa,
non ti fa più ragionare.
A volte, la incontro per Santa Lucia,
e che tensione nel cuore mio!
Se penso di fermarla,
si cerco di parlarci,
lei mi guarda storto e mi devo fermare.
 
A 'sta Luciana ca passa e spassa,
scialle 'e lusso, pettenessa,
pe 'na semmana m' 'a faticasse,
po 'a fermasse, lle dicesse:
"Io nun ve cerco niente,
ma dateme 'o permesso,
ve do' 'nu vaso 'ncopp'â pettenessa".
 
A questa luciama che passa e ripassa,
scialle di lusso, pettine,
per una settimana me la lavorerei,
poi la fermerei, le direi:
"Io non vi chiedo niente,
ma datemi il permesso,
vi do un bacio sul pettine".
 
M'hanno ditto: "O pate è 'nzisto".
M'hanno ditto: "O frate è tuosto.
Tene 'o zio ca è capintesta,
ce sta poco 'a pazzià".
Ma io che ce pozzo fà? Chella me piace.
Voglio pazzià cu 'o ffuoco e si mme cocio?
Me cocio e ch' 'aggi' 'a fà?
Ma s'hann' 'a rassignà,
io senza 'e chella nun posso campà.
 
M'hanno detto: "Il padre è prepotente".
M'hanno detto: "Il fratello è un duro.
Ha lo zio che è camorrista,
c'è poco da scherzare".
Ma io che ci posso fare? Lei mi piace.
Voglio giocare con il fuoco e se mi brucio?
Me brucio e che devo fare?
Ma si devono rassegnare,
io senza di lei non posso vivere.
 
A 'sta Luciana ca passa e spassa,
…………..
 
A questa luciama che passa e ripassa,
…………..
 
Io nun ve cerco niente,
ma dateme 'o permesso,
ve do' 'nu vaso 'ncopp'â…
ve do' 'nu vaso 'ncopp'â…
ve do' 'nu vaso 'ncopp'â pettenessa.
Io non vi chiedo niente,
ma datemi il permesso,
vi do un bacio sul…
vi do un bacio sul…
vi do un bacio sul pettine.

Il brano fu presentato alla Festa di Piedigrotta da Sergio Bruni. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Aurelio Fierro, Nino Taranto, Alberto Berri, Mario Trevi, Claudio Villa, Renato Carosone, Giacomo Rondinella, Roberto Murolo. Nel 1954, la canzone ispirò l’omonimo film diretto da Domenico Gambino.
1 La "pettenessa" è il classico fermacapelli a pettine, realizzato in vari materiali più o meno pregiati, utilizzato dalle donne per stabilizzare l'acconciatura. Nella canzone ha anche un significato allusivo che, con un gioco di doppi sensi, può intendere anche l’organo genitale femminile.
2 Le Luciane sono le donne di Santa Lucia, delle quali, in molte poesie e canzoni, veniva celebrata la bellezza.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia