'A FUNTANELLA


musicaSalvatore Gambardella testoAniello Califano data1894


 
Carulì, m'hanno ditto ca tiene,
annascosta 'int'ô core 'e 'nu bosco
'na funtanella, 'na funtanella.
Cu 'na veppeta 'e 'st'acqua affatata
m'hanno ditto c' 'a gente se sana,
tanto ch'è bella, tanto ch'è bella.
 
Carolina, mi hanno detto che hai
nascosta nel cuore di un bosco
una fontanella, una fontanella.
Con un sorso di questa acqua fatata,
mi hanno detto che la gente guarisce
per quanto è bella, per quanto è bella.
 
Carulì, Carulì,
si è overo, nun farme sperì.
'E chest'acqua ne voglio pur'i',
tantillo accussì, tantillo accussì.
 
Carulina, Carulina,
se è vero, non farmi ardere di desiderio.
Quest'acqua voglio anche io,
un pochino così, un pochino così.
 
M'hanno ditto ca tene 'o segreto
E s'arape e se 'nzerra a piacere
'sta funtanella, 'sta funtanella.
'O segreto è ca leva la seta
sulamente a chi piace e va a genio
d' 'a padruncella, d' 'a padruncella.
 
Mi hanno detto che ha un segreto,
e si apre e si chiude a piacere
questa fontanella, questa fontanella.
Il segreto è che toglie la sete
solo o chi piace e sta simpatico
alla padrona, alla padrona.
 
Carulì, Carulì,
…………..
 
Carolina, Carolina
…………..
 
Cca se conta ca 'n'ommo 'e salute,
pe gghì troppo vicino â funtana,
perdette 'a pella, perdette 'a pella.
Nun me 'mporta. Si tu sì cuntenta,
pazzià vogl'i' pure 'nu poco
c' 'a funtanella, c' 'a funtanella.
 
Qua si racconta che un uomo in salute,
per essersi avvicinato troppo alla fontana,
perse la vita, perse la vita.
Non m'importa. Se tu sei contenta,
vorrei giocare un po' anche io
con la fontanella, con la fontanella.
 
Carulì, Carulì,
…………..
Carolina, Carolina
…………..

Il brano fu presentato da Angiolina Arcella. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quella di Antonello Rondi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia