'A CANZONE 'E 'NU CORE


musicaGiuseppe De Gregorio testoG. Rossetti


 
Quando passo pe dint'a 'stu vico,
manco 'e guardo 'sti belle figliole.
Ce ne è una ca ll'arte d' 'o sole facesse pe mme,
che cerca 'stu core e nun 'o po' avè.
 
Quando passo in questo vicolo,
nemmeno le guardo queste belle ragazze.
Ce ne è una che di tutto farebbe per me,
che cerca questo cuore e non lo può avere.
 
Io porto 'mpietto 'nu core,
'nu core port'io,
ca nun è d' 'o mio,
ca male me vo'.
Comm' 'o viento lunsinga 'na rosa,
'na bugiarda lusinga 'stu core,
m'affattura c' 'o doce 'e 'na vocca,
fa chello che vo'.
Io porto 'mpietto 'nu core,
'nu core port'io,
ca nun è d' 'o mio,
ca nun è d' 'o mio.
 
Io porto nel petto un cuore,
un cuore porto io,
che non è mio,
che male mi vuole.
Come il vento illude una rosa,
una bugiarda illude questo cuore,
mi strega con la dolcezza di una bocca,
fa quello che vuole.
Io porto nel petto un cuore,
un cuore porto io,
che non è mio,
che non è mio.
 
Chesta sera tra ciento feneste,
ce n'è una che resta 'nzerrata.
'Sta figliola sta bona malata e scurdà nun se po',
suspira 'nu nomme, vicino me vo'.
 
Questa sera tra cento finestre,
ce n'è una che resta chiusa.
Questa ragazza è molto malata e dimenticare non si può,
sospira un nome, vicino mi vuole.
 
Io porto 'mpietto 'nu core,
……………………..

Porto ‘mpietto 'nu core,
che male me fa.
Io porto nel petto un cuore,
……………………..

Porto nel petto un cuore,
che male mi fa.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quella di Alberto Berri.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia