'A CANZONE D' 'O SURDATO


musicaSalvatore Gambardella testoAniello Califano


 
Nannì, nun suspirà,
mo me cungedo e torno 'mbracci'a tte.
Speruto 'e te vedè,
me veco perzo, crideme, Nannì.
Nanninè,
servo 'a patria e servo 'o Rre,
ma ched è
chesta vita senza 'e te?
 
Annina, non sospirare,
ora mi congedo e torno tra le tue braccia.
Sesideroso di vederti,
mi vedo perso, credimi, Annina.
Annina,
servo la patria e servo il Re,
Ma cos'è
questa vita senza di te?
 
   Nanninè,
   servo 'a patria e servo 'o Rre,
   ma ched è
   chesta vita senza 'e te?

 
   Annina,
   servo la patria e servo il Re,
   Ma cos'è
   questa vita senza di te?
 
Si n'aggiu viste o no
guaglione belle, t' 'o ppuò 'mmagginà.
Ma, n'è pe t'avantà,
cchiù bbella 'e te 'na nenna nun ce sta!
Nanninè,
servo 'a patria e servo 'o Rre,
ma ched è
chesta vita senza 'e te?
 
Se ne ho viste o no,
di ragazze belle, lo puoi immaginare.
Ma, non per vantarti,
più bella di te una ragazza non c'è!
Annina,
servo la patria e servo il Re,
Ma cos'è
questa vita senza di te?
 
   Nanninè,
   servo 'a patria e servo 'o Rre,
   ma ched è
   chesta vita senza 'e te?

 
   Annina,
   servo la patria e servo il Re,
   Ma cos'è
   questa vita senza di te?
 
Surtanto affianco a tte
'stu core mio pace po' truvà.
Sicura nne può stà,
ch'io so' ddiciso, e torno pe spusà!
Soltanto accanto a te
questo cuore mio pace può trovare.
Sicura ne puoi essere,
che io sono deciso, e torno per sposarmi!


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia