SCHIAVO D'AMMORE


musicatestoSalvatore Mazzocco data1965


 
Fuje comm'a 'na fattura,
e sto' attaccato a te, core e penziero,
cu 'na catena amara
che mm'ha distrutto 'a vita e 'a giuventù.
 
Fu come una fattura,
e sono attaccato a te, cuore e pensiero,
con una catena amara
che mi ha distrutto la vita e la giovinezza.
 
E mo so' schiavo 'e te,
schiavo d'ammore.
Cchiù te do' 'a vita e cchiù mme daje veleno.
E io giuro d' 'e spezzà pe ssempe 'sti ccatene.
Ma, doppo 'n'ora,
schiavo d'ammore,
torno addu te.
 
E ora sono schiavo di te,
schiavo d'amore.
Più ti do la vita e più mi dai veleno.
E giuro di spezzarle per sempre queste catene.
Ma, dopo un'ora,
schiavo d'amore,
torno da te.
 
Pe te, pe 'st'uocchie nire,
aggio lassato a 'n'anema sincera
ca mme vo' bene ancora
e pass' 'a vita a chiagnere pe mme.
 
Per te, per questi occhi neri,
ho lasciato un'anima sincera
che mi vuole bene ancora
e passa la vita a piangere per me.
 
E mo so' schiavo 'e te,
schiavo d'ammore.
Cchiù te do' 'a vita e cchiù mme daje veleno.
E io giuro d' 'e spezzà pe ssempe 'sti ccatene.
Ma, doppo 'n'ora,
schiavo d'ammore,
torno addu te.
E ora sono schiavo di te,
schiavo d'amore.
Più ti do la vita e più mi dai veleno.
E giuro di spezzarle per sempre queste catene.
Ma, dopo un'ora,
schiavo d'amore,
torno da te.

Il brano fu presentato al tredicesimo Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 16 al 18 settembre. Nell’occasione fu cantato da Mario Abbate e Mirna Doris. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quella di Sergio Bruni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia