'A CASCIAFORTE


(Mangione, Valente – 1928)


 
Vaco truvanno na casciaforte!
E andivinate pe' ne fá che?
Non tengo titoli,
non vivo 'e rendita,
non ci ho un vestito pe' cuollo a me!
Ma 'a cascia mi necessita,
pe' forza ll'aggi' 'a tené!
 
Sto cercando una cassaforte!
E indovinate per farne che cosa?
Non ho titoli,
non vivo di rendita,
Non ho un vestito addosso!
Ma la cassa mi serve,
per forza la devo avere!
 
Ce aggi' 'a mettere tutt' 'e llettere
che mi ha scritto Rosina mia,
nu ritratto, formato visita,
d' 'a bonanema 'e zi' Sufia,
nu cierro 'e capille,
nu cuorno 'e curallo
ed il becco del pappagallo
che noi perdemmo nel ventitré.
 
Ci devo mettere tutte le lettere
che mi ha scritto Rosina mia,
un ritratto, formato visita,
della buonanima di zia Sofia,
una ciocca di capelli,
un corno di corallo
e il becco del pappagallo
che noi perdemmo nel ventitré.
 
Pe-re-pe-re-pe-re-ppe-ré…
 
Pe-re-pe-re-pe-re-ppe-ré…
 
Sono ricordi che in cassaforte,
sulo llá dinto t' 'e ppuó' astipá.
Quando mi privano del companatico,
io 'ngótto e zitto senza sferrá.
Lo so! La vita è tragica,
ma 'a cascia… mme ll'hann' 'a dá!
 
Sono ricordi che in cassaforte,
solo li dentro li puoi conservare.
Quando mi privano del companatico,
io inghiotto e sto zitto senza rispondere.
Lo so! La vita è tragica,
ma la cassa… me la devono dare.
 
Ce aggi ' 'a mettere tutt' 'e llettere
che mi ha scritto Rosina mia,
il mozzone di una steárica,
conficcato nella bugia,
na bambola 'e Miccio,
na lente in astuccio
e una coda di cavalluccio
che mi ricorda la meglio etá!
 
Ci devo mettere tutte le lettere
che mi ha scritto Rosina mia,
il pezzo di una stearica,
conficcato nella bugia,
una bambola di Miccio,
una lente in astuccio
e una coda di cavalluccio
che mi ricorda la meglio età!
 
Pa-ra-pa-ra-pa-ra-ppa-rá…
 
Pe-re-pe-re-pe-re-ppe-ré…
 
Vaco truvanno na casciaforte!
Ma a qua' casciere ce 'o vvaco a dí?
Certe reliquie,
cierti cimeli,
si 'e ttiene 'a fore, pònno sparí!
San Casimiro martire,
'sta cascia, famm' 'a vení!
 
Sto cercando una cassaforte!
Ma a quale cassiere lo vado a dire?
Certe reliquie,
certi cimeli,
se li tieni di fuori, possono sparire!
San Casimiro martire,
questa cassa, fammi arrivare!
 
Ce aggi' 'a mettere tutt' 'e llettere
che mm'ha scritto Rosina mia,
na cartella, di lire dodici,
rilasciata dall'agenzía,
na máneca 'e sicchio,
na crástula 'e specchio,
na corteccia di cacio vecchio
e un fracchesciasso color cakí!
 
Ci devo mettere tutte le lettere
che mi ha scritto Rosina mia,
una cartella, di lire dodici,
rilasciata dall'agenzia,
un manico di secchio,
il frammento si uno specchio,
una buccia di cacio vecchio
e un frac color caki!
 
Pi-ri-pi-ri-pi-ri-ppi-rí… Pi-ri-pi-ri-pi-ri-ppi-rí…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia