'A CITTA' 'E PULECENELLA


musica testo Claudio Mattone – 1989


 
T'accumpagno vico vico,
sulo a te ca si' n'amico
e te porto p' 'e Quartiere,
addó' 'o sole nun se vére,
ma se vére tutt''o riesto
e s'arápono 'e ffeneste…
e capisce comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella!
 
Ti accompagno vicolo per vicolo
solo a te che sei un amico
e ti porto per i quartieri
dove il sole non si vede,
ma si vede tutto il resto
e si aprono le finestre…
e capisci com'è bella
la città di Pulcinella!
 
Comm'è bella, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella.
Comm'è bella, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella.
 
Com'è bella, com'è bella,
la città di Pulcinella.
Com'è bella, com'è bella,
la città di Pulcinella.
 
Mme dispiace sulamente
ca ll'orgoglio 'e chesta gente,
se murtifica, ogne ghiuorno,
pe' na máneca 'e fetiente
che nun tènono cuscienza,
che nun tènono rispetto…
comme fanno a pigliá suonno,
quann'è 'a sera, dint' 'o lietto?
 
Mi dispiace solamente
che l'orgoglio di questa gente
si mortifica ogni giorno,
a causa di un manipolo di delinquenti
che non hanno coscienza,
che non hanno rispetto…
come fanno a prendere sonno,
quando è sera, nel letto?
 
Dint' 'o lietto, dint' 'o lietto,
quann'è 'a sera, dint' 'o lietto.
Dint' 'o lietto, dint' 'o lietto,
quann'è 'a sera, dint' 'o lietto.
 
Dentro al letto, dentro al letto,
quando è sera, dentro al letto.
Dentro al letto, dentro al letto,
quando è sera, dentro al letto.
 
Mo te porto a Margellina,
sempe ca nun tiene fretta,
verso 'e ccinche d' 'a matina,
quann''o traffico 'o ppermette.
Ccá è permesso tutte cosa,
no' pecché tiene 'o diritto,
ma pecché s'è sempe fatto
o è sultanto pe' dispietto.
 
Ora ti porto a Mergellina
sempre che tu non abbia fretta,
verso le cinque del mattino
quando il traffico lo permette.
Qui è permesso tutto
non perchè se ne hai il diritto
ma perchè si è sempre fatto
o è soltanto per dispetto.
 
Pe' dispietto, pe' dispietto,
o è sultanto pe' dispietto.
Pe' dispietto, pe' dispietto,
o è sultanto pe' dispietto.
 
Per dispetto, per dispetto
o è soltanto per dispetto.
Per dispetto, per dispetto
o è soltanto per dispetto.
 
Mme dispiace sulamente
ca ll'orgoglio 'e chesta gente,
se murtifica ogne ghiuorno
e nuje ce mettimmo scuorno.
Ma nisciuno pò fá niente,
ce 'a zucammo 'a caramella…
comm'è doce e comme e bella,
'a cittá 'e Pullecenella.
 
Mi dispiace solamente
che l'orgoglio di questa gente
si mortifica ogni giorno,
e noi abbiamo vergogna.
Ma nessuno può far niente
ci succhiamo la caramella…
come è dolce e come è bella
la città di Pulcinella.
 
Comm'è doce, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella.
Comm'è doce, comm'è bella,
'a cittá 'e Pulecenella…
 
Com'è dolce e com'è bella
la città di Pulcinella…
Com'è dolce e com'è bella
la città di Pulcinella…
 
Ah!…Ah!…Ah!… (coro)
Ah!…Ah!…Ah!… (coro) ………………………………

 
Ah!…Ah!…Ah!… (coro)
Ah!…Ah!…Ah!… (coro)
………………………………

 
Comm'è doce, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella.
Comm'è doce, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella.
 
Com'è dolce e com'è bella
la città di Pulcinella…
Com'è dolce e com'è bella
la città di Pulcinella.
 
I' che sóngo musicante
e mme sento furtunato,
canto e sòno, sòno e canto,
chesta bella serenata.
E pecché só' 'nnammurato,
pecché forse ce só' nato,
ma vedite comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella!
 
Io che sono musicista
e mi sento fortunato
canto e suono, suono e canto
questa bella serenata.
E perchè sono innamorato,
perchè forse ci sono nato,
ma vedete com'è bella,
la città di Pulcinella!
 
Comm'è bella, comm'è bella
'a cittá 'e Pullecenella.
Comm'è bella, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella.
Comm'è bella, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella.
Comm'è bella, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella…
 
Com'è bella, com'è bella
la città di Pulcinella.
com'è bella, com'è bella
la città di Pulcinella.
Com'è bella, com'è bella
la città di Pulcinella.
Com'è bella, com'è bella
la città di Pulcinella…
 
Ah!…Ah!…Ah!… (coro)
Ah!…Ah!…Ah!… (coro)
………………………………
Ah!…Ah!…Ah!… (coro)
Ah!…Ah!…Ah!… (coro)
………………………………


La canzone, scritta per il film “Scugnizzi” (uscito nel 1989 e con il quale nel 1990 si aggiudicò il David di Donatello per la migliore canzone originale), non fu inserita nell’album contenente la colonna sonora del film, ma fu pubblicata discograficamente solo nel 1992. La stessa canzone è inserita nello spettacolo “Ritorna Piedigrotta” (1992), di Egidio lo Giudice e nel musical di Enrico Vaime e dello stesso Mattone “C’era una volta… Scugnizzi” (2002).

8 commenti su “‘A città ‘e Pulecenella

  1. E bellissima wow comm è dolce

  2. Grazie da Mosca agli organizzatori di questo sito, perche’ dispiace di non capire le bellissime canzoni napoletani interpretati da bravissimo Gigi D’ Alessio. E poi O’ Sarracino di Renato Carosone, сhe tanti decenni fa mi ha dato la spinta per cominciare ad imparare ed addirittura a cantare poi in italiano.
    Con la traduzione in italiano e’ piu’ facile capire il significato delle loro canzoni.

    Un cordiale saluto da Mosca
    NIKOLAI

  3. Come sono belle le canzone napolitane! Tanto d’ieri fino ad oggi!

  4. Napoli è sempre Napoli, di valore immenso, universale ed eterno, come le sue stupende e indimenticabili canzoni, valide in ogni epoca, come i suoi grandi personaggi storici, ecc., ecc. – ieri, oggi, domani…- Onore, orgoglio e dignità a Napoli e a tutto il Sud…- Con tutto il mio grandissimo rispetto per la città eterna, ma, secondo una mia riflessione, la vera città eterna è solo e soltanto Napoli, che risorge sempre, malgrado tutti i torti e le mortificazioni che continua a subire…
    “ogne ghiuorno,
    pe’ na máneca ‘e fetiente
    che nun tènono cuscienza,
    che nun tènono rispetto…”
    Che bella la lingua napulitana…
    Va benissimo la traduzione per far capire meglio il significato, ma poi si deve subito tornare alla forma dialettale, per apprezzarne tutto il resto. Ma dove la trovate nel mondo una lingua napulitana così bella ed armoniosa???
    Grazie
    Andrea

    • Grazie Andrea per queste parole! Napoli è nel mio cuore da sempre, forse perché essendo romana nel raggiungere la terra calabra paterna ci fermavamo sempre a Napoli per mangiare la sfogliatella. Così me ne sono innamorata piano piano… doce doce…
      Napoli è la città del sole come la sua gente, è la città del mare, delle isole, della musica e dell’arte. È la città del Vesuvio che dona un panorama unico da ammirare. È la città della pizza, della riccia. Cosa manca a Napoli? Niente. È un gioiello unico e raro, vero vanto italiano!

  5. E molto Bella amo Napoli e tutto, la gente il Profumo il sapore proprio tuttOoooo e tropo speciale Napoli

  6. Sono nato a Napoli.
    Sono vissuto a Napoli.
    Non avevo il carattere giusto per vivere a Napoli.
    Napoli mi ha tolto tutto.
    Sono scappato da Napoli. Appena fai un po’ meglio di chi ti circonda, sei finito.
    Mi piace ascoltare la canzone, racconta quest’ambiente distorto molto bene. Quello che mi disturba, dalla canzone sembra che molti ne siano fieri.
    Ascoltate Santa Lucia luntana – quant’o ‘cchiù luntàna stai -’ cchiú bella ‘pàre…

  7. Ieri all’Elba abbiamo avuto il piacere di sentirla cantare da un napoletano doc che da anni vive sull’isola ma che le radici non ha scordato anzi le ha portate a Cavo dove gestisce un locale pizzeria che consiglio vivamente…con Claudio sembra davvero di essere a Napoli a città di Pulcinella

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2019 © Napoligrafia