NUN ME SCETA'


(E. Murolo, Tagliaferri – 1930)


 
Quanta varche 'e marenare
ca se vedono stasera,
cu na luce sott' 'a prora
pare ca 'e stelle só' cadute a mare.
 
Quante barche di marinai
che si vedono stasera,
con un luce sotto la prora
sembra che le stelle sono cadute in mare.
 
Tutt' 'e ccanzone 'e Napule
stanotte, 'o core mio, vurrìa cantà.
Ma addó' ce stanno lácreme,
addio felicità.
 
Tutte le canzoni di Napoli
stanotte, il cuore mio, vorrebbe cantare.
Ma dove ci sono lacrime,
addio felicità.
 
Cántame, oje marenà', tutt' 'e ccanzone,
n'ora famme durmì sott'a 'sta luna.
Famme sunnà che ancòra mme vò' bene.
 
Cantami, oh marinaio, tutte le canzoni,
un'ora fammi dormire sotto a questa luna.
Fammi sognare che ancora mi vuole bene.
 
Famme 'nzuonno murì,
nun mme scetà.
 
Fammi, in sonno, morire,
non mi svegliare.
 
Comm' 'o paggio cantatore
ch' 'a riggina, pe' na sera,
l'addurmette anema e core
e po' ll'abbandunaje, scetáto, a mare,
 
Come il paggio cantante
che la regina, per una sera,
gli fece addormentare anima e cuore
e poi l'abbandonò, sveglio, in mare,
 
tu pure, 'mmiez'ê nnuvole,
stu core mm' 'addurmiste 'mbracci'a te.
E a mare, chino 'e làcreme,
stanotte 'o faje cadé.
 
anche tu, tra le nuvole,
questo cuore mi addormentasti tra le tue braccia.
E in mare, pieno di lacrime,
stanotte lo fai cadere.
 
Cántame, oje marenà, tutt' 'e ccanzone,
……………………………………………….
 
Cantami, oh marinaio, tutte le canzoni,
……………………………………………..
 
Voca ohé.
Comm' 'a femmena è 'o mare,
Comm' 'o mare è ll'ammore.
Voca ohé.
Rema, ohè.
Come una donna è il mare,
Come il mare è l'amore.
Rema, ohè.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia