CANZONE APPASSIUNATA


musicatestoE. A. Mario1 data1922


 
'N'albero piccerillo aggiu piantato,
criscènnolo cu pena e cu sudore.
'Na ventecata giá mme ll'ha spezzato
e tutt' 'e ffronne cágnano culore.
Cadute so' giá 'e frutte e tuttuquante,
erano doce, e se so' fatte amare.
Ma 'o core dice: "Oje giuvinotto amante,
'e ccose amare, tiénele cchiù care".
E amara comme sî, te voglio bene.
Te voglio bene e tu mme faje murí.
 
Un piccolo albero ho piantato,
crescendolo con pena e con sudore.
Una ventata già me l'ha spezzato
e tutte le foglie cambiano colore.
Sono già caduti tutti i frutti,
erano dolci, e sono diventati amari.
Ma il cuore dice: "O giovanotto amante,
le cose amare, tienile più care".
E amara come sei, ti voglio bene.
Ti voglio bene e tu mi fai morire.
 
Era comm'ô canario 'nnammurato,
stu core che cantaje matina e sera.
"Scétate" io dico e nun vo' stá scetato.
E mo, nun canta manco 'a primmavera.
Chi voglio bene nun mme fa felice,
forse sta 'ncielo destinato e scritto.
Ma i' penzo ca 'nu ditto antico dice:
"Nun se cummanna a 'o core". E i' mme sto' zitto.
E mme sto' zitto, sí, te voglio bene.
Te voglio bene e tu mme faje murí.
 
Era come il canarino innamorato,
questo cuore che cantò mattina e sera.
"Svegliati" io dico e non vuole star sveglio.
E ora, non canta nemmeno la primavera.
Chi voglio bene non mi fa felice,
forse sta in cielo destinato e scritto.
Ma io penso che un detto antico dice:
"Non si comanda al cuore". E io sto zitto.
E sto zitto, sì, ti voglio bene.
Ti voglio bene e tu mi fai morire.
 
Chiagno p'ammore, e cade 'o chianto mio
dint'a 'sta testa: 'o chianto 'a sta arracquanno.
Schiòppa 'na bella rosa e i', pe gulio,
a chi mm'ha fatto chiagnere nce 'a manno.
Lle dico: "Rosa mia tu mme perduone
si te scarpesarrá senza cuscienza".
Ce sta 'nu ditto ca mme dá ragione:
"Fa' bene e scorda e si faje male penza".
Pènzace buono sí, te voglio bene.
Te voglio bene e tu mme faje murí.
Piango per amore, e cade il mio pianto
in questo vaso: il pianto la sta innaffiando.
Sboccia una bella rosa e io, per sfizio,
a chi mi ha fatto piangere la mando.
Le dico: "Rosa mia tu mi perdoni
se ti calpesterà senza coscienza".
C'è un detto che mi dà ragione:
Fai bene e dimentica e se fai male pensa".
Pensaci bene sì, ti voglio bene.
Ti voglio bene e tu mi fai morire.

Il brano è considerato uno dei capolavori più rappresentativi dell’autore, tanto che il verso “e ccose amare, tiénele cchiù care” è diventato un detto napoletano. La canzone fu presentata da Armida Cozzolino e portata al successo da Gennaro Pasquariello. Tra le altre interpretazioni ricordiamo quelle di Tito Schipa, Francesco Albanese, Peppino Gagliardi, Sergio Bruni, Miranda Martino (con l’arrangiamento di Ennio Morricone), Roberto Murolo, Claudio Villa, Lina Sastri, Milva, Mina, Avion Travel, Enzo Gragnaniello, Peppino di Capri e Massimo Ranieri.
1 E. A. Mario è lo pseudonimo utilizzato dal poeta e compositore Giovanni Ermete Gaeta.

4 commenti su “Canzone appassiunata

  1. Imprescindibile per la comprensione e il godimento della lingua napoletana.

  2. Bellissima canzuna. Grazie mille!

  3. Non dimentichiamo la bellissima versione di Miranda Martino, arrangiata da Ennio Morricone, mi riesce difficile immaginarne una migliore.

Rispondi a Tafuti Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia