DDOJE STELLE SO' CADUTE


musicatestoFrancesco Saverio Mangieri data1955


 
Trèmmano, ddoje stelle, 'mmiez'ô mare,
suspirano d'ammore
e 'a luna sta a guardá.
Cammina 'ncopp'a ll'onna 'na canzone,
'o viento passa 'a voce: "Oje marená'".
E cantano 'e Ssirene: "Ammore mio,
adduormete cu me, nun te scetá".
 
Tremano, due stelle, in mezzo al mare,
sospirano per amore
e la luna sta a guardare.
Cammina sulle onde una canzone,
il vento passa la voce: "O marinaio".
E cantano le Sirene: "Amore mio,
addormentati con me, non ti svegliare".
 
Ddoje stelle so' cadute 'mmiez'ô mare,
ddoje stelle ca tremmavano d'ammore.
'N'ammore cchiù doce e carnale,
'n'ammore ca 'ncielo nun po' stá.
Ddoje stelle so' cadute, suspirose,
dduje core 'nnammurate 'e stu paese,
addó se ride e chiagne tutt' 'a vita,
addó ll'ammore fa murí e campá.
 
Due stelle sono cadute in mezzo al mare,
due stelle che tremavano d'amore.
Un amore più dolce e carnale,
un amore che in cielo non può stare.
Due stelle sono cadute, sospirando,
due cuori innamorati di questo paese,
dove si ride e piange tutta la vita,
dove l'amore fa morire e vivere.
 
Giá se so' 'mbarcate 'e marenare,
cu 'e vvarche e cu 'e llampare,
so' ghiute pe vedé.
Ma 'e stelle ll'hanno ditto: "Pe favore,
nuje, 'ncielo, nun vulimmo cchiù turná.
Lassátece durmí 'mmiez'a 'stu mare,
lassátece sunná 'n'eternitá".
 
Già si sono imbarcati i marinai,
con le barche e con le lampare,
sono andati a vedere.
Ma le stelle hanno detto loro: "Per favore,
noi, in cielo, non vogliamo più tornare.
Lasciateci dormire in mezzo a questo mare,
lasciateci sognare per l'eternità".
 
Ddoje stelle so' cadute 'mmiez'ô mare,
……………………………………………………..
Due stelle sono cadute in mezzo al mare,
……………………………………………………..

Il brano fu presentato al terzo Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 16 al 18 giugno 1955. Nell’occasione fu cantato da Sergio Bruni e Achille Togliani, piazzandosi al secondo posto. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Claudio Villa, Giacomo Rondinella, Mario Trevi e Roberto Murolo.

2 commenti su “Ddoje stelle so’ cadute

  1. nella prima strofe dovrebbe essere “nun te scetà” (da un disco di Roberto Murolo)

    • In effetti, ascoltando le registrazioni che si trovano sul web tutti dicono “nun te scetà”, mentre in quasi tutti i testi che ho trovato c’è scritto “nun me scetà”. Direi di dare più credito alle registrazioni.

Rispondi a webmaster Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia