'E PALUMME


musicaMario Persico testoOscar Gallo data1913


 
Miezojuorno. Coce 'o sole
e vuje state 'int'ô ciardino,
sott'ê ffronne 'e mandarino,
'mmiez'ô gghianco d ''e llenzole
spase ô sole.
 
Mezzogiorno. Scotta il sole
e voi state nel giardino,
sotto alle foglie di mandarino,
in mezzo al bianco delle lenzuola
stese al sole.
 
E 'na chiorma 'e palummielle,
vola, vola attuorno a vuje
ca lle date 'e mullechelle.
Spuzzuléa, po se ne fuje
chesta chiorma 'e palummielle.
 
E un gruppo di colombelle,
vola, vola attorno a voi
che date loro le mollichine.
Spilucca, poi se ne fugge
questo gruppo di colombelle.
 
Accussí, pe 'sta passione
ca mme struje,
volano sempe, volano
tutt' 'e penziere mieje attuorno a vuje.
 
Così, per questa passione
che mi strugge,
volano sempre, volano
tutti i pensieri miei attorno a voi.
 
Ma pecché, sbattenno 'e mmane,
ma pecché vuje n' 'e ccacciate
'sti palumme aggraziate,
mentre po lle date 'o ppane,
'mmiez'ê mmane?
 
Ma perchè, battendo le mani,
ma perchè voi li cacciate
questi colombi aggraziati,
mentre poi date loro il pane,
in mezzo alle mani?
 
Se ne vanno 'ncopp'ô mare,
p' 'e mmarine, a dduje a dduje,
'ncopp'ê titte, ê campanare,
e po tornano addu vuje.
Se ne vanno 'ncopp'ô mare.
 
Se ne vanno sul mare,
per le marine, a due a due,
sui tetti, i campanili,
e poi tornano da voi.
Se ne vanno sul mare.
 
Accussí, pe 'sta passione
ca mme struje,
si n' 'e ccacciate, tornano
tutt' 'e penziere mieje attuorno a vuje.
Così, per questa passione
che mi strugge,
se non li cacciate, tornano
tutti i pensieri miei attorno a voi.

Il brano fu cantato per la prima volta da Franco Fortezza. Tra altre le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Luciano Lualdi, Francesco Albanese, Vittorio De Sica, Giuseppe Di Stefano, Enzo De Muro Lomanto, Eduardo De Filippo e Sergio Bruni.

3 commenti su “‘E palumme

  1. Canzoni che andrebbero riproposte, perché molto belle.

  2. Capolavoro molto poco conosciuto. Musicalmente, mi sembra che, più che avere lo schema “strofa – ritornello” sia un garbatissimo e raffinato recitativo secco. Mi sembra un unicum nella canzone napoletana, ma potrei essere poco informato io.

  3. E’ una delle mie canzoni preferite. La ascoltai per la prima volta, mi pare 15 anni fa, cantata al parco Virgiliano da Fausto Cigliano che si accompagnava con la sua chitarra; una esecuzione delicatissima che purtroppo in rete non ho ritrovato. Quella di Vittorio De Sica, molto diversa, è travolgente.

Rispondi a Vizzone domenico Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia