'E PISCATURE


musica testoRaffaele Viviani data1924


 
'E vuzze1 d' 'o ssicco cu ll'uommene attuorno
cu "oh tira" e cu "oh venga"2 se scenneno a mare.
Se forma 'a paranza, va fora e scumpare
e a buordo surtanto se danno 'o buongiorno.
 
I gozzi1 dalla terraferma con gli uomini attorno
con "oh tira" e con "oh venga"2 scendono in mare.
Si forma la paranza, va al largo e scompare,
e a bordo soltanto si danno il buongiorno.
 
S'encrociano 'e vvoce purtate d' 'o viento,
vucanno 'mparanza… chi fuma, chi penza.
'A luna fa a prora 'nu triemmolo 'argiento
e a poppa 'o guaglione se spassa cu 'a lenza.
 
Si incrociano le voci portate dal vento,
remando insieme… chi fuma, chi pensa.
La luna fa a prora un tremito d'argento
e a poppa il garzone si diverte con la lenza.
 
Se parlano chiano e 'a parola risona.
'Nu rimmo ogne tanto dall'acqua è levato.
Se ferma chi penza a 'na bella guagliona,
chi tene a 'nu figlio luntano 'mbarcato.
 
Si parlano piano e la parola risuona.
Un remo ogni tanto dall'acqua è levato.
Si ferma chi pensa a una bella ragazza,
chi ha un figlio lontano imbarcato.
 
Ritornano all'alba c' 'o suonno pesante,
cu 'e panne 'nzuppate pe ll'ummedità.
'A rrobba piscata se piazza all'istante
e 'a rezza spannuta se mette a sciuttà.
 
Ritornano all'alba con il sonno pesante,
con i vestiti inzuppati per l'umidità.
La merce pescata si piazza all'istante
e la rete stesa si mette ad asciugare.
 
'E vuzze d' 'o ssicco cu ll'uommene attuorno
cu "oh tira" e cu "oh venga" se scenneno a mare.
I gozzi dalla terraferma con gli uomini attorno
con "oh tira" e con "oh venga" scendono in mare.

Il brano è inserito nell’omonima opera teatrale. Esistono anche alcune varianti del testo, recuperate da alcuni copioni dell’epoca, che riportano le seguenti differenze: ‘E vuzze d’ ‘o sicco / ‘E varche d”a rena (le barche dalla sabbia), ‘mparanza / che pace, ‘a parola / ‘o sciato (il respiro), dall’acqua è levato / se ferma stracquato (si ferma sfinito), ‘A rrobba piscata se piazza all’istante e ‘a rezza spannuta se mette a sciuttà / Cu ‘a rezza stanotte s’è gghiuto a vacante, mettimmola ô sole pe farla asciuttà (con la rete stanotte si è andati a vuoto, mettiamola al sole per farla asciugare). Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Marina Pagano e Nino Taranto.
1 Il gozzo (in dialetto vuzzo) è una piccola imbarcazione a remi usata nella pesca locale dal XVII secolo.
2 “Oh tira” e “Oh venga” erano le grida con cui i pescatori accompagnavano il faticoso trascinamento delle barche in mare o degli altri lavori pesanti del mestiere.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia