'E PPERLE D' 'A MADONNA


musicaGiuseppe Bonavolontà testoMichele Galdieri data1947


 
S'hann'arrubate 'e pperle d' 'a Madonna d' 'a Pietà,
chi ll'ha pututa fà 'sta brutta 'nfamità?
Chist'è 'nu sacrileggio e chi ll'ha fatto ha dda pavà,
Ddio ll'ha dda castigà.
“Zitto papà”
Tu? Te ll'hê pigliate tu?
Te ll'hê arrubate tu
'e pperle d' 'a Madonna?!
Ma comm'è stato? Comm'hê pututo?
I' buono e onesto t'aggio crisciuto,
figlio mio bello chi t'ha perduto?
Te ll'hê pigliate tu?
Cu chesti mmane, tu?
 
Hanno rubato le perle della Madonna della Pietà,
chi l'ha potuta fare questa brutta infamia?
Questo è un sacrilegio e chi l'ha fatto deve pagare,
Dio lo deve castigare.
“Zitta mamma”
Tu? Le hai prese tu?
Le hai rubate tu
le perle della Madonna?
Ma comm'è stato? Come hai potuto?
Io buono e onesto ti hi cresciuto,
figlio mio bello chi t'ha perduto?
Le hai prese tu?
Con queste mani, tu?
 
Signore magistrato, cunzentiteme 'e parlà.
Vuje cu severità ll'avite 'a ggiudicà.
Io stesso, ca so' 'o pate, nun 'o pozzo perdunà,
però, credite a mme,
'nfamo nun è.
Ma 'a colpa soja nun è,
sultanto 'a soja nun è.
'A colpa è de 'sta guerra
ca 'e figlie nuoste ce ll'ha cagnate,
ca 'o core 'â pietto ce ll'ha sceppato
si pure 'e Ddio se so' scurdate.
Ll'avite 'a cundannà…
ma avite 'a avè pietà.
 
Signore magistrato, consentitemi di parlare.
Voi con severità lo dovete giudicare.
Io stesso, che sono il padre, non lo posso perdonare,
però, credete a me,
cattivo non è.
Ma la colpa sua non è,
soltanto sua non è.
La colpa è di questa guerra
che i figlie nostre ce li ha cambiati,
che il cuore dal petto ha loro strappato
si anche di Dio si sono dimenticati.
Ll'avite 'a cundannà…
ma avite 'a avè pietà.
 
Diece anne…
e quanta pate, quanta mamme comm'a mme
te veneno a pregà, Madonna d' 'a Pietà?
'Sti figlie mmalamente t' 'e mettimmo 'mbraccia a tte,
tu sola 'e ppuò aiutà,
'e ppuò salvà.
Tu, sî mamma pure tu
e tu 'e ccapisce, tu,
'sti mamme addulurate.
Vi' quante lacreme hanno chiagnute,
so' tutte perle ca t'hanno date.
Maje 'na cullana cchiù ricca hê avuto.
Mo ce ll'hê 'a salvà tu
'sti figlie nuoste, tu.
 
Dieci anni…
e quanti padri, quante mamme come me
ti vengono a pregare, Madonna della Pietà?
Questi figli cattivi li mettiamo in braccio a te,
tu sola li puoi aiutare,
li puoi salvare.
Tu, sei mamma anche tu
e tu le capisci, tu,
queste mamme addolorate.
Guarda quante lacrime hanno pianto,
sono tutte perle che ti hanno dato.
Mai una collana più ricca hai avuto.
Ora ce li devi salvare tu
questi figli nostri, tu.
 
Madonna d' 'a Pietà. Madonna della Pietà.

Tra le interpretazioni del brano, ricordiamo quelle di Enzo Romagnoli e Eva Nova.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia