GUAPPARIA


musicaRodolfo Falvo testoLibero Bovio data1914


 
Scetáteve, guagliune 'e malavita,
ca è 'ntussecosa assaje 'sta serenata.
Io songo 'o 'nnammurato 'e Margarita,
ch'è 'a femmena cchiù bella d' 'a 'Nfrascata1.
 
Svegliatevi, ragazzi di malavita
che fa molto arrabbiare questa serenata:
io sono il fidanzato di Margherita,
che è la donna più bella della 'Nfrascata1.
 
Ll'aggio purtato 'o capo cuncertino,
p' 'o sfizio 'e mme fá sèntere 'e cantá.
Mm'aggio bevuto 'nu bicchiere 'e vino
pecché, stanotte, 'a voglio 'ntussecá.

Scetáteve guagliune 'e malavita.
 
Le ho portato il direttore d'orchestrina,
per il divertimento di farmi sentir cantare.
Ho bevuto un bicchiere di vino
perché, questa notte, voglio farla arrabbiare.

Svegliatevi, ragazzi di malavita.
 
E' accumparuta 'a luna a ll'intrasatto,
pe lle dá 'o sfizio 'e mme vedé distrutto.
Pe chello che 'sta fémmena mm'ha fatto,
vurría ch' 'a luna se vestesse 'e lutto.
 
E' apparsa la luna all'improvviso,
per darle il gusto di vedermi distrutto.
Per quello che questa donna mi ha fatto,
vorrei che la luna si vestisse a lutto.
 
Quanno se ne venette â parta mia,
ero 'o cchiù guappo2 'e vascio â Sanitá.
Mo, ch'aggio perzo tutt' 'a guapparía,
cacciatemmenne 'a dint'â suggitá3.

Scetáteve guagliune 'e malavita.
 
Quando si mise con me,
ero il più guappo2 giù alla Sanità.
Ora, che ho perso tutta la guapperia,
cacciatemene dalla società3.

Svegliatevi, ragazzi di malavita.
 
Sunate, giuvinò, vuttàte 'e mmane,
nun v'abbelite, ca sto' buono 'e voce.
I' mme fido 'e cantá fino a dimane
e metto 'ncroce a chi mm'ha miso 'ncroce.
 
Suonate, giovanotti, datevi da fare,
non avvilitevi, perché ho una gran voce.
Riesco a cantare fino a domani
e metto in croce chi mi ha messo in croce.
 
Pecché nun va cchiù a tiempo 'o mandulino?
Pecché 'a chitarra nun se fa sentí?
Ma comme? Chiagne tutt' 'o cuncertino,
addó ch'avess' 'a chiagnere sul'i'.

Chiágnono 'sti guagliune 'e malavita.
Perché non va più a tempo il mandolino?
Perché la chitarra non si fa sentire?
Ma come? Piange tutta l'orchestrina,
mentre dovrei piangere solo io.

Piangono questi ragazzi di malavita.

La canzone fu lanciata con la voce di Diego Giannini. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Tito Schipa, Giuseppe Di Stefano, Roberto Murolo, Sergio Bruni, Giacomo Rondinella, Mina, Renzo Arbore, Mario Merola e Massimo Ranieri.
1 'A 'Nfrascata è l'antico nome usato per l'attuale Via Salvator Rosa, che nacque per collegare la collina del Vomero (dove, tra il XVI e il XVII secolo, la nobiltà spagnola aveva iniziato a costruire sontuose dimore) e il centro della città. Il termine "'Nfrascata" rimane nel dialetto a ricordare quei tempi, prima dell'urbanizzazione, in cui c'erano, appunto, le "frasche", cioè le foglie degli alberi che portavano ombra e refrigerio.
2 Il guappo è una figura tipica dell'universo popolare napoletano. Originariamente, rappresenta l'immagine dell'uomo d'onore gentiluomo e romantico, pronto a dirimere le controversie tra le persone e a convincere i giovanotti che avevano messo incinta qualche ragazza a mettere la testa a posto e a sposarla. La parola "guappo" deriva dallo spagnolo "guapo" (bello), origine dovuta al fatto che il guappo si è sempre distinto per l'abbigliamento curato e eccessivo, una postura particolare tesa all'ostentazione di se stesso e una cura maniacale del proprio aspetto fisico. Nel 1900, la figura del guappo comincia ad essere associata alla criminalità organizzata, diventa un imprenditore criminale che svolge soprattutto attività di controllo sui commerci di prodotti ortofrutticoli, molto violento con i suoi avversari e, di contro, molto protettivo con i suoi adepti.
3 Un tempo, i camorristi napoletani definivano la loro organizzazione anche come "Annurata Suggità" (Onorata Società)

Rispondi a Antonio Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia