GUAPPETIELLO 'E TUTTE 'E SSERE


musicaFerdinando Albano testoEttore De Mura data1957


 
Guappetiello1 ca tutte 'e ssere
passe ll'ore 'nnanz'ô cafè,
faje 'sti ccere, ma chi te crere?
Tiene 'e smanie, ma pe fa che?
Faje capì ca sî guappetiello
quanno afforza ragione vuò
e po' guarde 'nu balcunciello
pe vedè si te vede o no.
 
Piccolo guappo1 che tutte le sere
passi le ore davanti al caffè
fai queste facce, ma chi ti crede?
Sei agitato, ma per fare cosa?
Fai capire che sei un piccolo guappo
quando per forza ragione vuoi
e poi guardi un balcone
per vedere se ti vede o no.
 
Chella è 'a rusella 'e maggio d' 'o quartiere
e chi 'a vede 'e passà
ce se 'ncanta a guardà.
Se legge dint'a ll'uocchie suoje sincere
tutt' 'a semplicità,
ch'è 'nu sciore 'e buntà.
Nun po' dà retta a tte
ca faje 'sti guapparie pe ll'attirà,
chella 'a 'n'anno s'è 'nnammurata,
'e nisciuno ne vo' sapè.
Chella 'a 'n'anno vo' bene a mme.
 
Quella è la rosetta di maggio del quartiere
e chi la vede passare
si incanta a guardarla.
Si legge negli occhi suoi sinceri
tutta la semplicità,
che è un fiore di bontà.
Non può dare retta a te
che fai queste sceneggiate per attirarla,
lei da un anno si è innamorata,
di nessuno ne vuol sapere.
Lei da un anno vuol bene a me.
 
Guappetiello t'aggio avvertito,
pierde 'o tiempo 'nnanz'ô cafè.
E i' mo credo ca ll'hê capito
e nun tuorne a te fa vedé.
Nun fa niente, dice a 'sta ggente
ca 'sta vota nun c'è che fa,
ca l'ammore è cchiù preputente,
è cchiù guappo 'e chi 'o guappo fa.
 
Piccolo guappo ti ho avvertito,
perdi tempo davanti al caffè.
E io ora credo che l'hai capito
e non ti fai rivedere.
Non fa niente, di' a qusta ggente
che questa volta non c'è niente da fare,
che l'amore è più prepotente,
è più guappo di chi il guappo fa.
 
Chella è 'a rusella 'e maggio d' 'o quartiere
…………………………………….
 
Quella è la rosetta di maggio del quartiere
…………………………………….
 
Nun po' dà retta a tte
ca faje 'sti guapparie pe ll'attirà,
chella 'a 'n'anno s'è 'nnammurata,
'e nisciuno ne vo' sapè.
Chella 'a 'n'anno vo' bene a mme.
 
Non può dare retta a te
che fai queste sceneggiate per attirarla,
lei da un anno si è innamorata,
di nessuno ne vuol sapere.
Lei da un anno vuol bene a me.
 
Chella 'a n'anno è 'nnammurata
sulamente 'e me.
 
Lei da un anno è innamorata,
solo di me.
 

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Aurelio Fierro, Gloria Christian e Franco Ricci.
1 Il guappo è una figura tipica dell'universo popolare napoletano. Originariamente, rappresenta l'immagine dell'uomo d'onore gentiluomo e romantico, pronto a dirimere le controversie tra le persone e a convincere i giovanotti che avevano messo incinta qualche ragazza a mettere la testa a posto e a sposarla. La parola "guappo" deriva dallo spagnolo "guapo" (bello), origine dovuta al fatto che il guappo si è sempre distinto per l'abbigliamento curato e eccessivo, una postura particolare tesa all'ostentazione di se stesso e una cura maniacale del proprio aspetto fisico. Nel 1900, la figura del guappo comincia ad essere associata alla criminalità organizzata, diventa un imprenditore criminale che svolge soprattutto attività di controllo sui commerci di prodotti ortofrutticoli, molto violento con i suoi avversari e, di contro, molto protettivo con i suoi adepti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia