LUNA NOVA


musicaMario Pasquale Costa testoSalvatore Di Giacomo data1887


 
La luna nova, 'ncopp'a lu mare,
stènne 'na fascia d'argiento fino.
Dint'a la varca, lu marenaro,
quase s'addorme cu 'a rezza 'nzino.
 
La luna nuova, sul mare,
stende una fascia d'argento pregiato.
Nella barca, il marinaio,
quasi si addormenta con la rete addosso.
 
Nun durmí, scétate, oje marená,
vótta 'sta rezza, penza a vucá.
 
Non dormire, svegliati, o marinaio,
getta questa rete, pensa a remare.
 
Nun durmí, scétate, oje marená,
vótta 'sta rezza, penza a vucá.
 
Non dormire, svegliati, o marinaio,
getta questa rete, pensa a remare.
 
Dorme e suspira 'stu marenaro,
se sta sunnanno la 'nnammurata.
Zitto e cujeto se sta lu mare,
pure la luna se nc'è 'ncantata.
 
Dorme e sospira questo marinaio,
sta sognando la fidanzata.
Zitto e tranquillo è il mare,
anche la luna si è incantata.
 
Luna d'argiento, lass' 'o sunná,
vásalo 'nfronte, nun 'o scetá.
 
Luna d'argento, lascialo sognare,
bacialo in fronte, non lo svegliare.
 
Luna d'argiento, lass' 'o sunná,
vásalo 'nfronte, nun 'o scetá.
 
Luna d'argento, lascialo sognare,
bacialo in fronte, non lo svegliare.
 
Comm'a 'nu suonno de marenare,
tu duorme, Napule, viata a te.
Duorme ma, 'nzuonno, lacreme amare,
tu chiagne Napule, scétate, scé.
 
Come un sonno di marinaio,
tu dormi, Napoli, beata te.
Dormi ma, nel sonno, lacrime amare,
tu piangi Napoli, svegliati.
 
Puózze 'na vota resuscitá.
Scétate, scé, Napule, Na'.
 
Possa una volta resuscitare.
Svegliati, Napoli.
 
Puózze 'na vota resuscitá.
Scétate, scé, Napule, Na'.
Possa una volta resuscitare.
Svegliati, Napoli.

La canzone descrive la Napoli del tempo, che l’autore invita a svegliarsi e a resuscitare usando l’immagine del marinaio addormentato in mezzo al mare. Fu presentata nel 1887 al Teatro “La Fenice”, durante uno spettacolo organizzato in occasione dello sgombero delle suore del Convento delle Pentite. Durante la rappresentazione, vennero presentate numerose nuove canzoni, tutte fischiate, tranne una, “Luna Nova”, che riuscì ad entusiasmare il pubblico. Grande “fan” della canzone fu anche papa Leone XIII, che chiedeva spesso al cardinale Hohenlohe di suonarla al pianoforte. Tra le interpretazioni di questo brano ricordiamo quelle di Beniamino Gigli, Carlo Buti, Francesco Albanese, Fausto Cigliano e Mario Gangi, Giacomo Rondinella, Claudio Villa e Roberto Murolo.

Un commento su “Luna nova

  1. bellissime sia le parole che lamusica, come al solito per questi due grandi autori. E come tante canzoni classiche napoletane anche questa è nel repertorio di grandi cantantanti internazionali. Ho recentemente ascoltato una straordinaria interpretazione di Dulce Pontes.

Rispondi a Pasquale Calaminici Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia