'NA BRUNA


musicaSergio Bruni, Augusto Visco testoEspedito Barrucci, Aniello Langella data1971


 
Venètte da tanto luntano
'nu furastiero, 'nu furastiero.
Restaje 'ncantato d' 'o mare,
d' 'o sole e 'â luna,
'nu furastiero.

Se 'ncantaje 'e dduje uocchie curvine
'e 'na bruna, 'e vint'anne d'età.
 
Venne da tanto lontano
un forestiero, un forestiero.
Restò incantato dal mare,
dal sole e dalla luna,
un forestiero.

Rimase incantato da due occhi neri
di una bruna, di vent'anni d'età.
 
Chella vo' bene a 'n'ato
e pe chillo more,
pe chillo more.
Pe 'nu bellu guaglione,
'e piscatore,
'e piscatore.

Furastiero, 'e denare che so'?
Quanno 'o core fa chello che vo'.
 
Quella vuol bene a un altro
e per lui muore,
per lui muore.
Per un bel ragazzo,
pescatore,
pescatore.

Forestiero, i soldi cosa sono?
Quando il cuore fa quello che vuole.
 
Chella s'è fatta 'a croce cu ll'acqua 'e mare,
cu ll'acqua 'e mare,
e po ha giurato: "Io nun te lasso maje,
nun te lasso maje".
 
Quella si è fatta la croce con l'acqua di mare,
con l'acqua di mare,
e poi ha giurato: "Io non ti lascerò mai,
non ti lascerò mai".
 
P' 'o mare 'na festa 'e lampáre.
'Nu piscatore,
'nu piscatore,
s'astregne 'int'ê bbracce 'na bruna
cu 'o velo 'e sposa,
cu 'o velo 'e sposa.
 
Sul mare una festa di lampare.
Un pescatore,
un pescatore,
stringe tra le braccia una bruna
col velo da sposa,
col velo da sposa.
 
Dice 'a gente: "Cu bona furtuna
pe cient'anne,
pe sempe accussí".
 
Dice la gente: "Con buona fortuna,
per cent'anni,
per sempre così".
 
Chella vo' bene a 'n'ato
………………………….
Quella vuol bene a un altro
……………………………….

Il brano doveva essere presentato al diciannovesimo Festival di Napoli, organizzata presso il Teatro Mediterraneo dall’1 al 3 luglio, poi annullato a causa delle proteste dei cantanti esclusi dalla giuria. Nell’occasione, la canzone era stata affidata a Sergio Bruni e Antonio Buonomo che la incisero su disco. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Mario Trevi, Pino Maruo, Nino D’Angelo e Roberto Murolo.

7 commenti su “‘Na bruna

  1. LA CANZONE ‘E STUPENTA TI INCANTA ANCHE SE NON VUOI , E NESSUNO LA SA CANTARE COME SERGIO BRUNI.
    CON UNA MELODIA CHE SUPERA TUTTE LE CANZONI ITALIANE ” MAGNIFICA. “

  2. cosa significa “Chella s’è fatta ‘a croce cu ll’acqua ‘e mare” (Non la traduzione letteraria). Grazie

    • Penso che l’autore volesse sottolineare l’amore della ragazza che ha suggellato la sua promessa con l’acqua di mare, elemento caro al suo amato pescatore.

    • “s’è fatta ‘a croce co’ l’acqua ‘e mare!
      l’acqua salata è stata sempre ritenuta un valido mezzo contro i diavoli, le influenze negative, le maledizioni.
      “acqua e sali pi li magari” si dice nella sicilia orientale.
      Il sale ingrediente fondamentale per il controllo dei demoni. Allo spargimento di sale è attribuito un significato apotropaico e disincantante.
      Nell’antica Grecia il bagno o l’aspersione con l’acqua salata aveva una finalità celebrativa nei riguardi dei defunti ed era prevista dalle prescrizioni devozionali nei confronti degli spiriti degli avi.
      Ovidio dice che Enea portò questa usanza ai Latini; Orazio parla invece di offerte di sale, pane e vino ai Penati.
      Di Martino (2003) parla di cerimonie di decontaminazione degli elasteroi con acqua di mare.

  3. OLTRE AL FATTO CHE LA ” CROCE CON L’ACQUA E MARE “RAPPRESENTASSE ANCHE UN SIGNIFICATO SOCIALE: IL BORGO DEI MARINAI CHE ERA IL LUOGO E IL SOSTENTAMENTO PER IL MENAGE , RAPPRESENTAVA LA SOCIETA’ ECONOMICA E CULTURALE A CUI IL GIURAMENTO PER ESTESO SI RIFERISCE …….

  4. Non vi è cantata da Massimo Ranieri, eh?
    Peccato…

Rispondi a webmaster Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia