'NA BUSCIA


musicaAntonio Galante testoEttore De Mura data1954


 
Tu 'o ssaje ca senza 'e te nun camparria
e pe paura, forse pe pietà,
me dice ogne momento 'na buscia,
ca me turmenta, ma me fa campà.
E senza ca t' 'o ccerco, tu me dice
ca me vuò tantu bene e sî felice.
 
Tu lo sai che senza di te non vivrei
e per paura, forse per pietà,
mi dice sempre una bugia
che mi tormenta, ma mi fa vivere.
E senza che te lo chiedo, tu mi dici
che mi vuoi tanto bene e sei felice.
 
'Sta buscia
m'accide lentamente,
nun è ammore ca te porta 'mbraccio a me.
'Sta buscia
'a sape tutt' 'a ggente
e ne parla si me vede 'nzieme a te.
Nun è bbene,
ma nun me 'mporta 'e niente,
so' felice quanno sto' vicino a te.
Nun è bbene,
ma sî tutt' 'a vita mia,
e perciò ll'aggi' 'a sentì
chesta buscia.
 
Questa bugia
mi uccide lentamente,
non è amore che ti porta in braccio a me.
Questa bugia
la sa tutta la gente
e ne parla se mi vede insieme a te.
Non è bene,
ma non m'importa di niente,
sono felice quando sto vicino a te.
Non è bene,
ma sei tutta la vita mia…
E perciò la devo sentire
questa bugia.
 
Quant'ato po' durà chesta finzione?
Quant'ato tiempo può sacrificà?
Tu, senza ca neppure te n'adduone,
me diciarraje 'nu juorno 'a verità.
Ma chillu juorno, ca luntano sia,
Te cercarraggio ancora 'sta buscia.
 
Quanto altro può durare questa finzione?
Quanto altro tempo puoi sacrificare?
Tu, senza che neppure te ne accorgi,
me dirai un giorno la verità.
Ma quel giorno, che lontano sia,
Te chiederò ancora questa bugia.
 
'Sta buscia
…………
 
Questa bugia
…………
 
Nun è bbene,
ma nun me 'mporta 'e niente,
so' felice quanno sto' vicino a te.
Nun è bbene,
ma sî tutt' 'a vita mia,
e perciò ll'aggi' 'a sentì
chesta buscia.
Non è bene,
ma non m'importa di niente,
sono felice quando sto vicino a te.
Non è bene,
ma sei tutta la vita mia…
E perciò la devo sentire
questa bugia.

Il brano fu presentato alla seconda edizione del Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 20 al 22 maggio. Nell’occasione fu cantata da Achille Togliani e Maria Longo. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Carla Boni e Giacomo Rondinella.
1 La "stesa" o "canto a distesa" è un canto a voce spiegata con il quale si eseguivano brani senza accompagnamento musicale. Nasce soprattutto come canto dei contadini che accompagnavano con la voce il lavoro nei campi o lo usavano come mezzo di comunicazione a distanza con altri gruppi. In altre occasioni, invece, il canto era un modo per attirare gli abitanti dei borghi limitrofi alle sagre di paese. Anche i detenuti, per comunicare con l'esterno dalle finestre del carcere, utilizzavano la stessa tecnica improvvisando dei versi. Solitamente i testi iniziavano con i versi "fronne 'e limone", oppure "frunnella aruta" e, proprio per questo, il "canto a distesa" è identificato anche con il detto popolare di "canto a fronna 'e limone".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia