CHE CALORE


musica testoPino Daniele data1976


 
Che calore, che calore, comme coce 'o sole,
s'è miso justo 'ncapa e nun ce fà faticà.
Che calore, che calore, sto' tutto sudato,
è meglio ca levammo mano, nun ce sta niente 'a fà.
 
Che calore, che calore, come scotta il sole
si è messo proprio in testa di non farci lavorare.
Che calore, che calore, sto tutto sudato
è meglio che smettiamo, nun c'è niente da fare.
 
I mo moro,
cu 'stu calore nun me fido cchiù.
Stongo 'na zuppa 'e sudore
e si m'arraggio nun fatico cchiù.
 
I ora muoio,
con questo calore nun ce la faccio più.
Sono una zuppa di sudore
e se mi arrabbio non lavoro più.
 
"Che calore, che calore", dice 'a chiattona,
saglienne 'e grare nun ce 'a fa.
"Che calore, che calore", dice 'o guaglione
si se scassano 'e tazze l'aggi' 'a pavà.
 
"Che calore, che calore", dice la grassona,
salendo le scale non ce la fa.
"Che calore, che calore", dice il garzone
se si rompono le tazze le devo pagare.
 
I mo moro,
……………
 
I mo moro,
……………
 
I mo moro,
……………
I mo moro,
……………

La canzone fa parte di "Terra Mia", album di esordio di Pino Daniele. Venne pubblicato come singolo l’anno precedente insieme a “Furtunato”. Racconta la storia di un cameriere, costretto a lavorare sotto il sole e con un caldo insopportabile.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia