'E DDOJE LUCIE


musicaLuigi Ricciardi testoGiuseppe Marotta data1961


 
'Ntagliaje 'stu nomme a prora
ca so' tre anne e cchiù.
Lucia se chiamma 'a varca,
Lucia te chiamme tu.
Ma tu nun mme vuó cchiù bene
t'aggio perza chisà comme
e ll'avess' 'a cagná nomme
a 'sta varca primm' 'e mo.
 
Intagliai questo nome sulla prora
che ormai sono tre anni e più.
Lucia si chiama la barca,
Lucia ti chiami tu.
Ma tu non mi vuoi più bene
ti ho persa chissà come
e le dovrei cambiar nome
a questa barca al più presto.
 
Voca voca,
oje marenaro.
Voca voca,
voca fore.
Varca sincera e femmena busciarda
nun se pònno chiamma cu 'o stesso nomme.
Ohé, mare lucente,
ohé, stamme a sentí:
o lle ricuorde tutt' 'e giuramente,
o cagne nomme e còre pure a me.
 
Rema rema,
o marinaio.
Rema rema,
rema fuori.
Barca sincera e donna bugiarda
non possono chiamarsi con lo stesso nome.
Ohé, mare lucente,
ohé, stammi a sentire:
o le ricordi tutti i giuramenti,
o cambi nome e cuore anche a me.
 
E passano 'e stagione,
ma 'o nomme tujo sta cca.
Se ll'accarezza ll'onna,
s' 'o legge e se ne va.
Pure 'o tiempo, oje bella, è mare,
primma sbatte e po s'addorme.
Vanno, 'e suonne, a chiorme a chiorme,
notte e ghiuorno 'ncerca 'e te.
 
E passano le stagioni,
ma il tuo nome è qua.
Se lo accarezza l'onda,
se lo legge e se ne va.
Anche il tempo, o bella, è mare,
prima sbatte poi si addormenta.
Vanno, i sogni, a gruppi a gruppi,
notte e giorno in cerca di te.
 
Voca voca,
oje marenaro.
……………….
 
Rema rema,
o marinaio.
……………..
 
Ohé,
oje marenaro.
Voca voca.
Ohé.
Ohé,
O marinaio.
Rema rema.
Ohé.

Il brano fu presentato al nono Festival della Canzone Napoletana, che si dal 16 al 18 settembre 1961. Nell’occasione fu cantato da Mario Abbate e Luciano Virgili, piazzandosi all’ottavo posto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia