'E DENARE


musicaNicola Valente testoEttore De Mura data1947


 
Ogni ghiuorno 'na scenata
nun 'a pozzo suppurtà.
Nun te sî capacitata,
nun vuò proprio raggiunà.
Si ogneduno 'e nuje s'affanna
p' 'o probblema d' 'o campà,
cu 'nu core e 'na capanna
che vulimme cumbinà.
 
Ogni giorno una scenata
non la posso supportare.
Non ti sei capacitata,
nun vuoi proprio ragionare.
Se ognuno di noi s'affanna
per il problema del vivere,
cu un core e una capanna
cosa vogliamo fare.
 
'E denare…
'e denare sulamente
fanno 'e ccose dint'a nniente.
Cu 'e denare addiviente signore,
cu 'e denare s'imbroglia e se spera
e quanno tocca può scanzà 'a galera,
'o munno te può vennere e accattà.
Sultanto 'o core denare nun ne vo',
ma cerca 'a libbertà
e aspetta ll'ora d' 'a felicità.
 
I soldi…
i soldi solamente
fanno le cose immediatamente.
Con i soldi diventi signore,
con i soldi s'imbroglia e si spera
e quando capita puoi evitare la galera,
il mondo ti puoi vendere e comprare.
Soltanto il cuore soldi non ne vuole,
ma cerca la libertà
e aspetta l'ora della felicità.
 
E pur'isso 'stu paese
nun se po' cchiù guvernà.
Cu 'e lusinghe, cu 'e surprese,
cu 'e cuntratte e c' 'o parlà.
Chi vo' tutto, chi vo' niente,
chi 'o vo' russo e chi marrò.
Ma nisciuno seriamente,
penza a chello ca ce vo'.
 
E anche questo paese
non si può più governare.
Con le illusioni, con le sorprese,
con i contratti e con il parlare.
Chi vuole tutto, chi vuole niente,
chi lo vuole rosso e chi marrone.
Ma nessuno seriamente,
pensa a quello che è necessario.
 
'E denare…
'e denare sulamente
fanno 'e ccose dint'a nniente.
Cu 'e denare se vinceno 'e guerre,
cu 'e denare se fa 'o deputato,
divienti intelligente e rispettato
quanta cchiù fessarie tu saje smammà.
Sultanto 'o core denare nun ne vo',
ma cerca 'a libbertà
e aspetta ll'ora d' 'a felicità.
 
I soldi…
i soldi solamente
fanno le cose immediatamente.
Con i soldi si vincono le guerre,
con i soldi si fa il deputato,
diventi intelligente e rispettato
quante più fesserie sai propinare.
Soltanto il cuore soldi non ne vuole,
ma cerca la libertà
e aspetta l'ora della felicità.
 
Cu 'e denare se vinceno 'e guerre,
cu 'e denare se fa 'o deputato,
divienti intelligente e rispettato
quanta cchiù fessarie tu saje smammà.
Sultanto 'o core denare nun ne vo',
ma cerca 'a libbertà
e aspetta ll'ora d' 'a felicità.
Con i soldi si vincono le guerre,
con i soldi si fa il deputato,
diventi intelligente e rispettato
quante più fesserie sai propinare.
Soltanto il cuore soldi non ne vuole,
ma cerca la libertà
e aspetta l'ora della felicità.

Il brano fu pubblicato l’anno successivo alla morte di Nicola Valente e fu presentato da Mimì Ferrara. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quella di Alberto Amato.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia