ESTA'


musicaNicola Valente testoLibero Bovio data1913


 
(Nun voglio fá niente)

Che sole, che sole,
che sole cucente.
 
(Non voglio far niente)

Che sole, che sole,
che sole cocente.
 
E chi vo' fá niente?
E chi po' fá niente?
 
E chi vuol far niente?
E chi può far niente?
 
Che bella canzone
ca sona 'o pianino.
Mo 'nzerr' 'o barcone
pe nun 'a sentí.
 
Che bella canzone
che suona il pianino.
Ora chiudo il balcone
per non sentirla.
 
Che bella figliola
ca passa p' 'o vico.
Mo 'a chiammo e lle dico:
"Volete salí?"
 
Che bella ragazza
che passa per il vicolo.
Ora la chiamo e le dico:
"Volete salire?"
 
No, no, cu 'stu sole,
'stu sole cucente,
nun voglio fá niente.
Nun voglio fá niente.
 
No, no, con questo sole,
questo sole cocente,
non voglio fare niente.
Non voglio fare niente.
 
Ma, dint'â cuntrora,
che caldo se sente.
 
Ma, nel pomeriggio,
che caldo si sente.
 
E chi vo' fá niente?
E chi po' fá niente?
 
E chi vuol fare niente?
E chi può fare niente?
 
Mo piglio, mme spoglio,
mme 'nfilo 'int'ô lietto,
mme leggo 'nu foglio,
mme metto a fumá.
 
Ora prendo, mi spoglio,
mi infilo nel letto,
mi leggo un giornale,
mi metto a fumare.
 
Ma 'a cámmera 'e lietto
sta troppo luntano.
Cchiù meglio 'o divano,
'nu passo e sto' lla.
 
Ma la camera da letto
è troppo lontana.
Meglio il divano,
Un passo e sto là.
 
Ma, dint'â cuntrora,
che caldo se sente.
Nun voglio fá niente.
Nun voglio fá niente.
 
Ma, nel pomeriggio,
che caldo si sente.
Non voglio fare niente.
Non voglio fare niente.
 
Che luna, che luna,
che luna lucente.
 
Che luna, che luna,
che luna lucente.
 
E chi vo' fá niente?
E chi po' fá niente?
 
E chi vuol fare niente?
E chi può fare niente?
 
Mo arrivo â Turretta,
po torno p' 'a villa.
Va buó, nun dá retta
mme scoccio 'e vestí.
 
Ora arrivo alla Torretta,
poi torno per la villa.
Vabbè, non ci pensare
non ho voglia di vestirmi.
 
Che bella canzone
tenevo p' 'e mmane.
Mo veco, dimane,
si 'a pòzzo ferní.
 
Che bella canzone
avevo tra le mani.
Ora vedo, domani,
se posso finirla.
 
Pecché cu 'sta luna,
'sta luna lucente,
nun voglio fá niente.
Nun voglio fá niente.
Perchè con questa luna,
questa luna lucente,
non fare nulla.
Non voglio fare nulla.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Elvira Donnarumma, Peppe Servillo e Massimo Ranieri.

4 commenti su “Està

  1. In che anno Libero Bovio scrisse Esta’?

  2. Il grande Libero Bovio

  3. Bella, ironica poesia che rende splendidamente la sensazione di “calore” e la voglia di non fare durante la controra di una giornata d’estate particolarmente calda!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia