FUNTANA ALL'OMBRA


musicatestoE. A. Mario1 data1912


 
'Sta funtanella,
ca ména 'a tantu tiempo ll'acqua chiara,
ha fatto 'a cchiù 'e 'nu sèculo 'a cummara.
 
Questa fontanella,
che getta da tanto tempo acqua chiara,
ha fatto per più di un secolo la comare.
 
Piccerenella,
venette 'a nonna a bevere, e ce steva
'nu figliulillo, a ll'ombra, che 'a vedeva.
 
Da piccola,
venne la nonna a bere, e c'era
un ragazzino, all'ombra, che la guardava.
 
E, a ll'ombra, tutt'e dduje
accumminciajeno a se parlá cu 'o "vvuje".
Po ognuno 'e lloro se parlaje cu 'o "ttu".
 
E, all'ombra, tutti e due
cominciarono a parlarsi con il "voi".
Poi, ognuno di loro, si parlò con il "tu".
 
E, sempe cumpiacente,
sti ffronne, allegramente,
facevano ciù-ciù.
 
E, sempre compiacenti,
queste foglie, allegramente,
facevano ciù-ciù.
 
Po ce venette
pur'io 'na vota ca stevo arzo 'e sete
e ca cercavo 'e vvie fresche e cujete.
 
Poi venni
anche io una volta io che ero assetato
e che cercavo strade fresche e tranquille.
 
E te vedette
e t'accustaste e mm'accustaje pur'io
e 'o core tujo cercava 'o core mio.
 
E ti vidi
e ti avvicinasti e mi avvicinai anche io
e il cuore tuo cercava il cuore mio.
 
Venèttemo 'a ddoje strate
e pe una, ce sperdèttemo abbracciate
pe ce vasá, pe nun ce lassá cchiù.
 
Arrivammo da due strade
e per una, ci perdemmo abbracciati
per baciarci, per non lasciarci più.
 
E, sempe cumpiacente,
sti ffronne, allegramente,
facevano ciù-ciù.
 
E, sempre compiacenti
queste foglie, allegramente,
facevano ciù-ciù.
 
Quant'ate appriesso,
doppo tante e tant'anne venarranno?
Quant'ata matremmonie se farranno?
 
Quanti altri ancora,
dopo tanti e tanti anni verranno?
Quanti altri matrimoni si faranno?
 
Mo fanno 'o stesso
quase tutt' 'e ffigliole 'e stu paese
e, 'a sprùcete ca so', po so' curtese.
 
Ora fanno la stessa cosa
quasi tutte le ragazze di questo paese
e, da antipatiche che sono, poi sono cortesi.
 
E spicialmente 'a 'state,
aspettano 'e figliule 'nnammurate
e 'sta funtana attacca 'a giuventù.
 
E specialmente in estate,
aspettano le ragazze innamorate
e questa fontana attacca la gioventù.
 
E, sempe cumpiacente,
sti ffronne, allegramente,
farranno stu ciù-ciù.
E, sempre compiacenti
queste foglie, allegramente,
faranno questo ciù-ciù.

Il brano fu presentato da Gennaro Pasquariello. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Peppino Brio, Bruno Venturini, Giacomo Rondinella, Nino D’Angelo, Sergio Bruni, Peppino di Capri, Mario Merola, Roberto Murolo e Massimo Ranieri.
1 E. A. Mario è lo pseudonimo utilizzato dal poeta e compositore Giovanni Ermete Gaeta.

3 commenti su “Funtana all’ombra

  1. dire che avete ideato e ricordato qualchecosa di grandioso è poco.Avete con l’elencazione di tutte queste canzoni,cosi bene anche tradotte,suscitato nel mio animo ma credo in tutti coloro che sentono la napoletanitò di questa incomparabile città cosi martoriata e degradata dai vari governanti che si sono succeduti,unsentimento d’amore che al loro canto s’illumina il cuore.Grazie e ancora grazie.

  2. Questa canzone mi emoziona come poche…bellissima nel testo e nella musica. Concordo con Mario. Aggiungo che Napoli è stata volutamente degradata a città di serie B dallo Stato italiano in quanto capitale del Regno delle Due Sicilie e quindi punita…perché l’ Unità d’Italia è stato un colpo di Stato e ne paghiamo ancora le conseguenze. L’abbandono totale di Napoli e del Sud è sotto gli occhi di tutti

  3. Non si distrugge un anima candida.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia