LL'OMMO CU 'E DENARE


musicaRodolfo Falvo testoGigi Pisano data1929


 
Mm'aggio miso dint'â sacca
'na vrancata 'e mille lire
p' 'e gghittá.
Cuncettè vuó ll'arioplano,
ll'automobile, 'o canotto?
Puó parlá.
Quand'arápe sulo 'a vócca
'nu cummanno tu mm'hê 'a dá
e te porto,
te porto pe cielo,
e te porto,
te porto pe mare.
Te porto pe cielo, pe terra, pe mare,
sempe a gran velocitá.
Pecché ll'ommo cu 'e denare
chesto fa.
 
Mi sono messo in tasca
un mucchio di mille lire
per buttarle.
Concettina vuoi l'aeroplano,
l'automobile, il canotto?
Puoi parlare.
Quando apri solo la bocca
un comando mi devi dare
e ti porto,
ti porto in cielo.
e ti porto,
ti porto per mare.
Ti porto in cielo, per terra, per mare,
sempre a gran velocità.
Perché l'uomo con i soldi
questo fa.
 
Don Giacinto 'o cusetore
mm'ha cusuto 'nu vestito,
'nu bisciù.
Mm'ha cercato mille lire,
ce ne dóngo mille e ciento
e pure cchiù.
Pecché ll'ommo, 'o cchiù elegante,
ll'hê 'a tené sultanto tu.
Mo t'accatto
'na vesta 'e bruccato,
tu t' 'a miette
e cchiù bella mme pare.
Te porto pe cielo, pe terra, pe mare,
sempe a gran velocitá.
Pecché ll'ommo cu 'e denare
chesto fa.
 
Don Giacinto il sarto
mi ha cucito un vestito,
è un bijou.
Mi ha chiesto mille lire,
glie ne do mille e cento
e anche di più.
Perché l'uomo, il più elegante,
lo devi avere soltanto tu.
Adesso ti compro
un vestito di broccato,
tu lo indossi
e mi sembri più bella.
Ti porto in cielo, per terra, per mare,
sempre a grande velocità.
Perché l'uomo ricco
questo fa.
 
Quanto è bella chesta "Fiatta",
pare proprio 'nu salotto,
guarda cca.
Trase dinto, cu 'o "Sciafferro",
p' 'a via nova, chianu chiano,
se ne va.
Tu mme cade dint'ê bbraccia
cu 'na smania 'e mme vasá.
E ll'ammore
ce porta pe cielo.
E ll'ammore
ce porta pe mare.
Ce porta pe cielo, pe terra, pe mare,
sempe a gran velocitá.
Pecché 'ammore, quanno è ammore
chesto fa.
Quanto è bella questa "Fiat",
sembra proprio un salotto,
guarda qua.
Entra dentro, con l'autista,
per la via nuova, piano piano,
se ne và.
Tu mi cadi tra le braccia
con la voglia di baciarmi.
E l'amore
ci porta in cielo.
E l'amore
ci porta per mare.
Ci porta in cielo, per terra, per mare,
sempre a grande velocità.
Perché l'amore, quando è amore
questo fa.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Gianni Quintiliani e Arturo Gigliati.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia