NAPULE E' 'NA CANZONE


musicaAlberto De Cristofaro testoE. A. Mario1 data1922


 
Se vonno purtà Napule,
nun saccio a qua' paese.
Miliardarie ca fanno spese,
se ne trovano 'nquantità.
'Nu bellu juorno, tèccote,
s'appura, ditto 'nfatto,
ca Pusilleco ha fatto 'o sfratto.
E 'o Vesuvio va' trova addó sta.
 
Vogliono portarsi via Napoli,
non so in quale paese.
Miliardari che spendono,
se ne trovano in quantità.
Un bel giorno, ecco,
si scopre, detto fatto,
che Posillipo ha fatto lo sfratto.
E il Vesuvio non c'è più.
 
Ma, pe s' 'a purtà,
nun sanno ancora comm'hann' 'a fà.
No, niente ce po'
pe spustà Napule 'a 'dó sta mo.
Sì, so' migliare 'e prugette,
ma chi ce se mette,
maje niente po' fà.
E tutte 'a vònno Napule,
ma nisciuno s' 'a po' purtà.
 
Ma, per portarla via,
non sanno ancora come devono fare.
No, niente si può
per spostare Napoli da dove sta adesso.
Si, sono migliaia di progetti,
ma chi ci si mette,
mai niente può fare.
E tutti vogliono Napoli,
ma nessuno se la può portare via.
 
Chi 'a vo' purtá in America,
chi 'a vo' purtá in Giappone,
ma ll'Europa se fa ragione,
dice: "E' meglio ca resta a me".
E allora va in Germania?
Va 'n Francia o in Inghilterra?
Po' succedere 'n'ata guerra
pe decidere chi ll'ha dda avé.
 
Chi la vuole portare in America,
chi la vuole portare in Giappone,
ma l'Europa se ne fa una ragione,
dice: "E' meglio che resta a me".
E allora va in Germania?
Va in Francia o in Inghilterra?
Può scoppiare un'altra guerra
per decidere chi la deve avere.
 
Ma, pe s' 'a purtà,
…………………….
 
Ma, per portarla via,
………………………
 
Quanta 'ngigniere vènono.
Ma che prugette fanno?
Comme vènono, se ne vanno.
Se ne vanno, ma pe turnà.
Chi 'a vo' tirà cu 'o mángano,
scastrata intera intera.
Chi 'a vo' spartere cu maniera,
piezzo piezzo e, po, 'a torna a 'ncullà.
 
Quanti ingegneri arrivano.
Ma che progetti fanno?
Come arrivano, se ne vanno.
Se ne vanno, ma per tornare.
Chi la vuol tirare con il mangano,
disincastrata per intero.
Chi la vuole dividere con criterio,
pezzo per pezzo e, poi, incollarla.
 
Ma, pe s' 'a purtà,
mo ce 'o ccunziglio comm'hann' 'a fá.
No, niente ce po',
ma 'o mezzo è facile pe chi 'o vo'.
Quanno 'na bella canzone,
cu tutt' 'a passione,
s'arriva a cantà,
pe tutt' 'o munno, Napule,
dint'ô core, se po' purtà.
Ma per portarla via,
ora glie lo consiglio come devono fare.
No, niente si può,
ma il mezzo è facile per chi lo vuole.
Quando una bella canzone,
con tutta la passione,
si riesce a cantare,
per tutto il mondo, Napoli,
nel cuore, si può portare.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Mario Abbate, Peppino Gagliardi, Sergio Bruni e Roberto Murolo.
1 E. A. Mario è lo pseudonimo utilizzato dal poeta e compositore Giovanni Ermete Gaeta.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia