'NU TANTILLO 'E CORE


musicaFerdinando Albano testoFilibello1, Gian Carlo Testoni data1958


 
Te cerco sulamente 'nu tantillo 'e core,
me basta sulamente 'nu tantillo 'e te.
 
Ti chiedo soltanto un pezzettino di cuore,
mi basta soltanto un pezzettino di te.
 
So' ciento notte ca je te vaso dint'ô suonno,
ma è 'n'ata cosa si tu staje vicino a mme.
'Sta vocca è comme 'o ffuoco che me fa paura
e forse, a ppoco a ppoco, me farrà brucià.
 
Sono cento notti che io ti bacio nel sonno,
Ma è un′altra cosa se tu stai vicino a me.
Questa bocca è come il fuoco che mi fa paura
e forse, a poco a poco, mi farà bruciare.
 
Ma vurria 'na prumessa d'ammore,
'nu vasillo azzeccuso pe mme,
cu 'nu tantillo 'e core,
cu 'nu tantillo 'e te.
 
Ma vorrei una promessa d'amore,
un bacino dolce per me,
con un pezzettino di cuore,
con un pezzettino di te.
 
'Sta vocca è comme 'o ffuoco che me fa paura
e forse, a ppoco a ppoco, me farrà brucià.
 
Questa bocca è come il fuoco che mi fa paura
e forse, a poco a poco, mi farà bruciare.
 
Ma vurria 'na prumessa d'ammore,
'nu vasillo azzeccuso pe mme,
cu 'nu tantillo 'e core,
cu 'nu tantillo 'e te.
Ma vorrei una promessa d'amore,
un bacino dolce per me,
con un pezzettino di cuore,
con un pezzettino di te.

Il brano fu lanciato da Tony D’Allara. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quella di Peppino Di Capri, leggermente diversa in alcune parti del testo: “So’ ciento notte ca je te vaso dint′ô suonno” diventa “So’ ciento notte ca te veco dint’e suonne” (Sono cento notti che ti vedo nei sogni), “e forse, a ppoco a ppoco, me farrà brucià” diventa “e forse, a ppoco a ppoco, me farrà murì” (e forse, a poco a poco, mi farà morire).
1 Filibello è lo pseudonimo utilizzato dal paroliere, giornalista e compositore Filippo Bellobuono.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia