PUTESSE ESSERE ALLERO


musica testoPino Daniele data1979


 
E dimme quacchecosa,
nun me lascià accussì,
stasera sto sballato
che voglia 'e partì.
Cu ddoje parole 'mmocca
e tanta semplicità,
putesse essere allero.
 
E dimmi qualche cosa,
non mi lasciare così,
stasera sto sballato
che voglia di partire.
Con due parole in bocca
e tanta semplicità,
potrei essere allegro.
 
E dimme quacchecosa,
nun me lascià accussì,
'o viento sta passanno
e i' 'o voglio sentì.
Affondo 'e mmane dint'â terra
e cerco 'e nun guardà
e nun me pare overo.
 
E dimmi qualche cosa,
non mi lasciare così,
il vento sta passando
e lo voglio sentire.
Affondo le mani nella terra
e cerco di non guardare
e non mi sembra vero.
 
Putesse essere allero
e m'alluccano dint'ê recchie,
e io me sento viecchio.
Putesse essere allero
cu mia figlia 'mbraccio
che me tocca 'a faccia
e nun me fa guardà.
 
Potrei essere allegro
e mi urlano nelle orecchie,
e io mi sento vecchio.
Potrei essere allegro
con mia figlia in braccio
che mi tocca la faccia
e non mi fa guardare.
 
E dimme quacchecosa,
nun me lascià accussì,
me sento 'nu criaturo
ca nun po' fà 'a pipì.
Vulesse arrubbà
senza me fà vedè
tutt' 'e ffacce d' 'a ggente.
 
E dimmi qualche cosa,
non mi lasciare così,
mei sento un bambino
che non può fare la pipì.
Vorrei rubare
senza farmi vedere
tutte le facce della gente.
 
E dimme quacchecosa,
nun me lascià accussì,
'o viento è già passato,
nun pozzo cchiù sentì.
E m'ha rimasto 'ncuollo
ll'addore d' 'o magnà
e 'nu poco 'e mare.
 
E dimmi qualche cosa,
non mi lasciare così,
il vento è già passato,
non posso più sentire.
E mi ha lasciato addosso
l'odore del cibo
e un po' di mare.
 
Putesse essere allero
cu 'nu speniello 'mocca,
cu 'e mmane dint'â sacca.
Putesse essere allero
cu 'na parola sola
che me desse calore
senza me fà sunnà.
 
Potrei essere allegro
con uno spinello in bocca,
con le mani nella tasca.
Potrei essere allegro
con una parola sola
che mi desse calore
senza farmi sognare.
 
Putesse essere allero
e m'alluccano dint'ê recchie,
e io me sento viecchio.
Putesse essere allero
cu mia figlia 'mbraccio
che me tocca 'a faccia
e nun me fa guardà.
 
Potrei essere allegro
e mi urlano nelle orecchie,
e io mi sento vecchio.
Potrei essere allegro
con mia figlia in braccio
che mi tocca la faccia
e non mi fa guardare.
 
E dimme quacchecosa,
nun me lascià accussì,
me sento 'nu criaturo
ca nun po' fà 'a pipì.
Vulesse arrubbà
senza me fà vedè
tutt' 'e ffacce d' 'a ggente.
 
E dimmi qualche cosa,
non mi lasciare così,
mei sento un bambino
che non può fare pipì.
Vorrei rubare
senza farmi vedere
tutte le facce della gente.
 
E dimme quacchecosa,
nun me lascià accussì,
'o viento è già passato,
nun pozzo cchiù sentì.
E m'ha rimasto 'ncuollo
ll'addore d' 'o magnà
e 'nu poco 'e mare.
 
E dimmi qualche cosa,
non mi lasciare così,
il vento è già passato,
non posso più sentire.
E mi ha lasciato addosso
l'odore del cibo
e un po' di mare.
 
Putesse essere allero
cu 'nu speniello 'mocca,
cu 'e mmane dint'â sacca.
Putesse essere allero
cu mia figlia 'mbraccio
che me tocca 'a faccia
e nun me fa guardà.
 
Potrei essere allegro
con uno spinello in bocca,
con le mani nella tasca.
Potrei essere allegro
con mia figlia in braccio
che mi tocca la faccia
e non mi fa guardare.
 

La canzone fa parte di "Terra Mia", secondo album in studio di Pino Daniele. Il brano venne pubblicato anche come lato B del singolo “Je so’ pazzo”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia